Diritto e Fisco | Articoli

No assegno di invalidità al lavoratore giovane riciclabile in altri lavori

15 Ottobre 2014


No assegno di invalidità al lavoratore giovane riciclabile in altri lavori

> Diritto e Fisco Pubblicato il 15 Ottobre 2014



Previdenza: nessun assegno Inps nonostante la malattia e l’ansia al lavoratore giovane che può svolgere altre mansioni.

Non spetta l’assegno d’invalidità al lavoratore che, ancora giovane, lamenta patologie collegate al corpo (per esempio, un deficit motorio, una frattura con difficoltà di articolazione degli arti) o alla psiche (per esempio l’ansia conseguente a un sinistro occorso sul posto di lavoro) se, grazie dell’età, alla propria preparazione culturale e all’esperienza maturata sul posto di lavoro, la sua professionalità può essere spesa per lo svolgimento di altre mansioni.

Lo ha messo, nero su bianco, la Corte di Appello di Ancona con una recentissima sentenza [1].

In altre parole, il principio è chiaro: o l’invalidità impedisce qualsiasi mansione (e, in tal caso, l’assegno è innegabile) oppure è necessario tentare il riciclo in altre attività prima di valutare se il lavoratore ha davvero diritto alla prestazione assistenziale.

Così, per esempio, se il semplice bracciante non riesce più a lavorare nei campi, ma ha maturato esperienza tale da svolgere un lavoro di scrivania, non potrà rivendicare alcun assegno assistenziale da parte dell’Inps. Il lavoratore, infatti, potrà spendersi per altre attività ove sono richieste capacità lavorative più “in sintonia” con la lamentata menomazione.

Se, comunque, il malato può essere un soggetto riqualificabile in attività di tipo intellettuale spetta al giudice valutarlo (grazie all’ausilio della perizia del consulente tecnico d’ufficio). Una sindrome ansioso-depressiva, per esempio, va valutata in relazione alla sua effettiva portata invalidante e alla possibilità che la stessa impedisca qualsiasi altro tipo di mansione, tanto da costringere il lavoratore a stare a casa.


note

[1] C. App. Ancona, sent. n. 862/14.

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI