Questo sito contribuisce alla audience di
Diritto e Fisco | Articoli

Cosa portare in commissione medica patenti?

30 Ottobre 2022 | Autore:
Cosa portare in commissione medica patenti?

La visita per verificare ed accertare l’idoneità psicofisica alla guida di soggetti che rientrano in particolari tipologie di utenza va fatta presso un organo sanitario collegiale.

In alcune ipotesi specifiche la visita per il conseguimento, il duplicato (in caso di furto o di smarrimento), la conversione (patente estera), la riclassificazione (se si passa a una patente di diversa categoria), la revisione o il rinnovo della patente va effettuata presso una Commissione medico locale (Cml), che deve accertare l’idoneità psicofisica dell’automobilista, anziché presso un singolo medico certificatore, come avviene nella maggior parte dei casi. Ad esempio, il soggetto a cui è stata riconosciuta un’invalidità dopo avere conseguito la patente, deve essere visitato da una Cml per il rinnovo del permesso così come la persona a cui è stata disposta la revisione della patente per guida in stato di ebbrezza. Cosa portare in Commissione medica locale patenti?

La documentazione da portare in Cml patenti è di tipo amministrativo e sanitario. Per quanto attiene più specificatamente a quest’ultima, in genere, è l’ufficio patenti ad indicare quali visite ed esami devono essere eseguiti dall’interessato. Gli accertamenti sono a carico del richiedente e devono essere effettuati non oltre i 3 mesi precedenti alla data della visita. I certificati vengono trattenuti dalla Commissione medica locale patenti, che non rilascia fotocopie.

In Commissione medica locale patenti bisogna portare anche le ricevute dei pagamenti relativi ai diritti della Motorizzazione civile e ai diritti sanitari. In riferimento ai primi, bisogna versare 16 euro sul conto corrente postale n. 4028 intestato Dipartimento Trasporti Terrestri e in caso di rinnovo della patente bisogna versare altri 10,20 euro sul conto corrente postale 9001 sempre intestato al Dipartimento Trasporti Terrestri. Relativamente ai diritti sanitari, l’importo della visita, variabile indicativamente tra i 30 e i 50 euro, dipende dalla Regione e dalla tipologia di accertamento.

Quando va effettuata la visita in Cml patenti?

La Commissione medica locale patenti effettua visite per l’accertamento dei requisiti psicofisici nei casi di:

  • minorati fisici e mutilati [1];
  • soggetti portatori di qualsiasi condizione di salute che possa risultare pericolosa per la guida;
  • persone per cui è stata disposta la revisione della patente su disposizione del Prefetto e/o del Dipartimento dei Trasporti Terrestri per infrazioni al Codice della strada in relazione ad eventi che mettono in dubbio la loro idoneità psicofisica (guida in stato di ebbrezza e detenzione e uso di sostanze stupefacenti, riconoscimento di invalidità civile per particolari patologie, segnalazioni per verifica della persistenza dei requisiti di idoneità psicofisica per la guida);
  • persone segnalate dai medici certificatori durante il rinnovo della patente.

Inoltre, la Cml patenti effettua le visite per i titolari di patenti di categoria C, al compimento del 65esimo anno di età, CE, al compimento del 65esimo anno di età e sino al compimento del 68esimo (per il rilascio del solo attestato), D1, D1E, D o DE al compimento del 60esimo anno di età e sino al compimento del 68esimo (per il rilascio del solo attestato).

Per quali patologie deve visitare la Cml patenti?

In particolare, la Commissione medico locale patenti ha il compito di accertare i requisiti fisici e psichici dei soggetti affetti da specifiche patologie tra le quali:

  • patologie cardiovascolari (trapiantati, portatori di protesi valvolari, casi gravi o complicati);
  • disturbi del sonno da apnee ostruttive notturne (moderati o gravi);
  • diabete complicato e trattato con farmaci che possono indurre ipoglicemie gravi;
  • malattie endocrine (casi gravi o complicati);
  • malattie del sistema nervoso centrale e periferico;
  • epilessie (tutte le forme);
  • malattie psichiche (tutte le malattie in atto);
  • malattie urogenitali (trattamento dialitico, insufficienza renale grave);
  • deficit visivi: patologie oculari progressive (ad esempio, retinopatia diabetica, glaucoma, maculopatia, diplopia, cataratta);
  • deficit uditivi medio-gravi.

Cosa portare in Commissione medica locale patenti?

Chi si reca a visita presso la Cml patenti deve portare una specifica documentazione. Più precisamente, per quanto attiene alla documentazione amministrativa in caso di conseguimento del permesso di guida vanno portati:

  1. un documento di riconoscimento in corso di validità;
  2. la tessera sanitaria/codice fiscale;
  3. il certificato anamnestico rilasciato dal proprio medico curante che indichi le precedenti malattie dell’interessato;
  4. n. 1 fotografia in formato tessera non più vecchia di 6 mesi.

Per il rinnovo e la revisione del permesso di guida va portata la stessa documentazione già sopra elencata nonché la patente da rinnovare o da revisionare. Altresì, nell’ipotesi di revisione va consegnata l’ordinanza del Prefetto o della Motorizzazione Civile di presentarsi a visita presso la Commissione medica locale patenti e il verbale di infrazione e/o di ritiro della patente e in caso di richiesta del duplicato per smarrimento/furto va portata la denuncia presentata all’autorità (ad esempio ai carabinieri).

Invece, per quanto riguarda la documentazione sanitaria necessaria per lo svolgimento della visita, gli accertamenti sotto elencati sono indicativi e possono essere variati in funzione alla specificità del caso. Nello specifico, vanno portati per:

  • le affezioni cardiovascolari, la relazione visita cardiologica con indicazione dello stato di compenso e con indicazione, ove prevista, della classe NYHA e l’ecocardiogramma con frazione di eiezione, l’attestazione del corretto funzionamento dell’impianto di pacemaker (se è stato effettuato), l’attestazione del corretto funzionamento dell’impianto di Icd (defibrillatore cardiaco, se presente), con indicazione di avvenute eventuali attivazioni nell’ultimo anno;
  • il diabete, il certificato rilasciato dal medico specialista (diabetologo/endocrinologo) operante presso strutture pubbliche o private accreditate e convenzionate, redatto su apposita modulistica;
  • le malattie del sistema nervoso centrale e periferico, inclusi esiti di traumi cranici, la relazione della visita neurologica;
  • l’epilessia, la relazione della visita neurologica su apposita modulistica con indicazione della data dell’ultima crisi comiziale e della terapia assunta e posologia;
  • la dialisi o il trapianto renale, la relazione della visita nefrologica con indicazione dello stato di compenso;
  • le malattie psichiche e uso di psicofarmaci, la relazione della visita psichiatrica con indicazione della terapia assunta e della posologia;
  • le patologie apparato visivo, la relazione della visita oculistica per controllo acuità visiva, il campo visivo binoculare 120° (patenti AM, A, B) o 160° (patenti superiori con grafico e referto, visione binoculare, FOO, sensibilità);
  • il deficit dell’udito, l’esame audiometrico, se si usano le protesi, più il certificato del costruttore in data non anteriore a 3 mesi che attesti l’efficienza delle protesi;
  • la sindrome da apnee ostruttive notturne (Osas), la relazione di specialista di struttura pubblica, su apposito stampato, attestante un adeguato controllo della sintomatologia presentata con relativo miglioramento della sonnolenza diurna;
  • alcol e stupefacenti, la Cml richiede l’effettuazione di accertamenti ematochimici e/o accertamenti tossicologici.

Cosa succede dopo la visita presso la Cml patenti?

La Cml al termine della valutazione formula un giudizio di idoneità con eventuali limitazioni come ad esempio la riduzione del periodo di validità o prescrizione di adattamenti al veicolo (vedi il cambio automatico) o al guidatore (ad esempio obbligo lenti) o di non idoneità (temporanea o permanente) alla guida.

Se la patente viene confermata è possibile circolare portando con sé la ricevuta del permesso di guida che è valida fino al ricevimento della nuova patente e comunque non oltre 60 giorni dal rilascio.

In caso di duplicato o riclassificazione della patente, l’interessato deve presentarsi presso la Motorizzazione civile munito dell’attestato rilasciato dalla Cml per ottenere la nuova patente.

Nell’ipotesi di revisione se il giudizio è di idoneità, l’attestazione va presentata alla Motorizzazione civile. Se la revisione è stata disposta dalla Motorizzazione civile, bisogna rivolgersi al competente ufficio con la patente e l’attestato per ricevere la nuova patente; se la revisione è stata disposta dalla Prefettura bisogna presentare copia dell’attestato della Cml all’autorità che ha ritirato la patente (o alla polizia municipale del luogo di residenza) per ottenere il documento di guida, trasmettere copia dell’attestato della Cml alla Prefettura che ha disposto la revisione e presentarsi presso l’ufficio della Motorizzazione (o a una sede ACI o a una scuola guida) con attestato della Cml e patente per la regolarizzazione della validità.


note

[1] Art. 119, co. 4, cod. strada.


Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube