Diritto e Fisco | Articoli

Avvocati cambiano distretto: istruzioni del CNF ai COA

16 Ottobre 2014
Avvocati cambiano distretto: istruzioni del CNF ai COA

Gli iscritti in 26 albi cambiano distretto: le istruzioni del Cnf agli ordini forensi in fase di soppressione.

26 ordini forensi si avviano a chiudere le serrande, frutto della nuova geografia giudiziaria. Lo stop verrà sancito definitivamente il 31 dicembre prossimo.

Ecco l’elenco degli ordini in corso di soppressione:

Acqui Terme,

Alba,

Ariano Irpino,

Bassano del Grappa,

Camerino,

Casale Monferrato,

Chiavari,

Crema,

Lucera,

Melfi,

Mistretta,

Modica,

Mondovì,

Montepulciano,

Nicosia,

Orvieto,

Pinerolo,

Rossano,

Sala Consilina,

Saluzzo,

Sanremo,

Sant’Angelo dei Lombardi,

Tolmezzo,

Tortona,

Vigevano,

Voghera.

Essi saranno accorpati ai seguenti Consigli dell’Ordine:

Alessandria,

Asti,

Benevento,

Vicenza,

Macerata,

Vercelli,

Genova,

Cremona,

Foggia,

Potenza,

Patti,

Ragusa,

Cuneo,

Siena,

Enna,

Terni,

Torino,

Castrovillari,

Lagonegro,

Imperia,

Avellino,

Udine Pavia,

L’Aquila,

Così il CNF ha diffuso un vademecum [1] per il passaggio delle consegne, regolando tutte le incombenze che ne deriveranno: dai rapporti giuridici pendenti, agli albi, agli elenchi e ai registri.

Il Cnf raccomanda la “condivisione e collaborazione proficua tra i consigli dell’ordine interessati: quelli di prossima estinzione e quelli accorpanti”. A partire dal primo adempimento, “che consiste nella iscrizione nell’albo, negli elenchi e nei registri dell’ordine accorpante, di tutti i professionisti iscritti negli albi, elenchi e registri degli ordini sopprimendi”.

Di qui al 31 dicembre 2014, inoltre, i C.O.A. che saranno soppressi dovranno attivarsi “con la massima solerzia per definire le eventuali posizioni debitorie e creditorie ancora pendenti”.  Devono anche provvedere a redigere e a trasmettere al Coa accorpante: il rendiconto economico, l’inventario dei cespiti patrimoniali, l’elenco del personale dipendente e addetto alla gestione dell’ordine, nel quale debbono essere specificate la natura e la durata dei contratti di lavoro relativi a ciascun addetto e l’importo delle retribuzioni lorde e del tfr e la correlata documentazione; l’elenco dei contratti in essere, corredati di copia degli stessi, nonché dei procedimenti amministrativi in corso, corredati di tutti gli atti relativi; l’elenco dei procedimenti disciplinari pendenti e dei procedimenti rubricati in esito a segnalazioni di illecito disciplinare per i quali non sia stata ancora deliberata l’apertura o l’archiviazione ai sensi dell’art. 47 rd 37/1934.

Il Cnf, poi, raccomanda “particolare cautela con riferimento alla posizione del personale dell’ordine sopprimendo”, sollecitando i Coa accorpanti “a succedere quali amministrazioni “datrici di lavoro, con il mantenimento dello stato giuridico ed economico, compresa la posizione previdenziale e assistenziale del personale stesso”.


note

[1] Cnf, 18-C-2014 del 14.10.2014.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube