Diritto e Fisco | Articoli

Separazione: per la riconciliazione la sola convivenza non fa prova

16 Ottobre 2014 | Autore:
Separazione: per la riconciliazione la sola convivenza non fa prova

Non è sufficiente che gli ex coabitino sotto lo stesso tetto per mettere in discussione la sentenza di separazione.

Non sempre nel giudizio di separazione si pone il problema dell’assegnazione della casa familiare fra i coniugi. Se, infatti, non ci sono figli (minori o maggiorenni non autosufficienti) cui garantire la conservazione dell’habitat familiare e, quindi, la necessità di assegnare la casa al genitore con cui vivranno, in genere, alla prima udienza, il giudice si limita ad autorizzare i coniugi a vivere separatamente.

Non è detto, tuttavia, che la cosa poi avvenga in concreto. Può ben darsi, infatti, che gli ex – anche per ragioni di risparmio economico – scelgano di continuare a coabitare senza che, per questo motivo, la causa di separazione cessi il suo corso.

In altre parole,  se la coabitazione tra i coniugi  prosegue anche dopo la  separazione, questo non implica che tra gli stessi sia sopraggiunta una riconciliazione. Ricordiamo, infatti, che la riconciliazione di fatto tra gli “ex” – ossia il tornare a vivere sotto lo stesso tetto, con ripresa dei rapporti – è circostanza che impedisce il successivo divorzio. Anche il termine di tre anni per poter divorziare subisce un’interruzione.

È quanto ricorda la Cassazione in una recente pronuncia [1]. La Corte chiarisce che, ai fini della riconciliazione, non è sufficiente la semplice coabitazione, ma occorre che venga ripristinata, dalla coppia, la comunione di vita spirituale e materiale su cui si fondava il rapporto coniugale.

Ma come provare che tale comunione di vita non è stata di fatto ripristinata?

Sicuramente può essere di aiuto fornire al giudice prove o indizi inequivocabili (si pensi, ad esempio, a testimonianze relative al fatto che i coniugi, o uno solo di essi, abbiano intrapreso una nuova relazione sentimentale). Ma, precisa la Corte, va data rilevanza anche a comportamenti in netto contrasto con l’idea del ripristino di una comunione di intenti e di vita della coppia: basti pensare alla domanda di addebito, proposta da uno o entrambi i coniugi.

Non basta, quindi, che uno dei due non abbia vissuto la condizione di disaffezione al matrimonio e di intollerabilità alla sua prosecuzione; è sufficiente invece che l’altro insista nella domanda di addebito, che rappresenta una condotta del tutto in contrasto con l’ipotesi di una riconciliazione.


La sola circostanza che gli ex coabitino non basta a provare la loro riconciliazione e, di conseguenza, a far cessare gli effetti della sentenza di separazione.

Occorre, invece, dimostrare che si è ricostituita tra i coniugi una comunione di vita spirituale e materiale e, di certo, la richiesta di addebito reiterata nel corso del giudizio è del tutto in contrasto con l’idea di una riconciliazione.

note

[1] Cass. sent. n. 19535/14.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube