Diritto e Fisco | Articoli

Fideiussione batte fondo patrimoniale: revocatoria della banca

16 Ottobre 2014
Fideiussione batte fondo patrimoniale: revocatoria della banca

La costituzione del fondo patrimoniale da parte del fideiussore di società è inefficace nei confronti della banca.

Il fideiussore non può fare il furbo: è inutile, infatti, dopo aver prestato garanzia nei confronti di un altro soggetto a cui la banca ha concesso un finanziamento, scappare dal notaio per tutelare la propria casa con un fondo patrimoniale. Difatti, in tale ipotesi, l’istituto di credito può esercitare l’azione revocatoria contro il fondo e aggredire gli immobili che vi sono stati inseriti. E ciò perché la costituzione della garanzia sulla casa, in questo caso, si considera un atto in frode ai creditori, pur non essendo ancora maturato un debito certo. Insomma, anche se il soggetto finanziato sia già in ritardo coi pagamenti delle rate, la costituzione del fondo è inopponibile alla banca.

Lo ha sancito la Cassazione con un’ordinanza di questa mattina [1].

Secondo quanto ormai costantemente stabilito dai Supremi giudici, la costituzione di un fondo patrimoniale, anche se anteriore all’insorgere del debito,può essere dichiarata inefficace nei confronti dei creditori, entro massimo 5 anni, attraverso la cosiddetta azione revocatoria, quando vi è prova che il soggetto interessato abbia premeditatamente agito al solo scopo di ridurre le garanzie dei creditori.

Per esempio: il 1° gennaio 2010, Tizio concede una fideiussione nei confronti di Caio che ha così ottenuto un finanziamento; quest’ultimo adempie regolarmente il proprio debito pagando le rate mensili. Il 15 marzo 2011, Tizio decide di istituire un fondo patrimoniale sulla propria casa. Succede però, che, di lì a poco, Caio interrompe i pagamenti con la banca e quest’ultima, dopo aver tentato un’esecuzione nei suoi confronti, decide di aggredire il fondo patrimoniale di Tizio. Lo potrà fare perché, nei suoi confronti, il fondo è inefficace.


note

[1] Cass. ord. n. 21938 del 16.10.2014.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube