Diritto e Fisco | Articoli

TFR in busta: scelta irrevocabile. Aumenta l’ISEE e il reddito

17 Ottobre 2014
TFR in busta: scelta irrevocabile. Aumenta l’ISEE e il reddito

Incremento della tassazione, del reddito, incidenza sugli assegni familiari e detrazioni.

 

La scelta per il lavoratore di ottenere subito il TFR in busta paga (leggi “TFR con la paga: ecco come funzionerà”) avrà degli effetti pesanti sulla sua busta paga. Innanzitutto l’impossibilità di tornare indietro se la decisione dovesse risultare poco conveniente. Ma soprattutto il reddito del dipendente subirà un effettivo aumento, sia ai fini della tassazione, sia dell’ISEE, con diminuzione delle detrazioni. Inciderà anche sugli assegni familiari. Vediamo come.

 

Tutti i lavoratori possono richiedere il TFR in busta paga?

Solo da quelli dipendenti di datori di lavoro privati, con esclusione dei lavoratori domestici e dei lavoratori agricoli, con almeno 6 mesi di anzianità di servizio presso quel datore di lavoro. Inoltre non potrà essere richiesto dai dipendenti di aziende sottoposte a procedure concorsuali o dichiarate in stato di crisi.

Una volta scelto di avere il TFR in busta paga, è possibile ritornare al normale accantonamento?

No, non è più possibile. La norma stabilisce che la scelta di ricevere il TFR in busta paga è definitivo e irrevocabile fino al 30 giugno 2018.

Se sto versando il TFR alla previdenza complementare, nei fondi pensione privati, posso scegliere di averlo mensilmente in busta paga?

Si, la scelta di avere il trattamento di fine rapporto in busta paga può essere effettuata anche se lo si sta versando a un fondo di previdenza complementare. Durante quel periodo, quindi, l’accantonamento al fondo sarà costituito solo dal contributo del dipendente e del datore di lavoro.

Se percepisco il TFR in busta paga aumenta il mio reddito?

Si, il TFR un busta paga cambia natura e diventa “integrazione della retribuzione” con regole però particolari rispetto alla normale contribuzione: si cumula con il reddito del periodo di imposta e quindi è tassato in modo ordinario, incidendo sulla determinazione delle detrazioni di imposta, degli assegni familiari e dell’Isee.

Viene però escluso dal reddito complessivo ai fini della percezione del bonus di 80 euro. Non è soggetto a contribuzione previdenziale.

Cosa succede se non chiedo la liquidazione mensile del TFR in busta paga?

Rimangono valide le altre scelte come da disciplina precedente, ossia il trasferimento al fondo pensione, o il mantenimento in azienda fino alla cessione del rapporto di lavoro.

Le piccole aziende che devono pagare il TFR ai dipendenti che lo richiedono hanno qualche compensazione finanziaria?

Le aziende che potrebbero avere problemi di liquidità pagando mensilmente il TFR possono accedere a un finanziamento assistito dalla garanzia di un fondo costituito presso l’Inps, sia da garanzia dello Stato. Il finanziamento si può ottenere da una delle banche che aderiranno all’accordo tra ABI e governo, documentando il TFR maturato dai dipendenti attraverso una certificazione che sarà rilasciata dall’Inps. Gli interessi che saranno richiesti dalle banche non possono essere superiori al tasso di rivalutazione del TFR.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube