Diritto e Fisco | Articoli

Sinistri stradali: non solo danno biologico ma anche morale col quinto di aumento

19 Ottobre 2014
Sinistri stradali: non solo danno biologico ma anche morale col quinto di aumento

Risarcimento del danno: l’aumento del quinto nel codice assicurazioni può servire a ristorare il danno morale all’infortunato.

L’altro ieri la Corte Costituzionale [1] ha ritenuto che le norme [2] che regolano la misura del risarcimento del danno nel caso di lesioni micropermanenti da sinistro stradale sono legittime. Sospiro di sollievo per le compagnie assicurative, non costrette così a risarcire importi elevati e variabili a seconda del tribunale.

Anche se i parametri vengono definiti in modo abbastanza rigido e predeterminato – sostiene la Corte – c’è sempre la norma di chiusura [3] che consente al giudice una “personalizzazione” del risarcimento: in particolare, il magistrato è libero di aumentare l’ammontare del risarcimento del danno biologico in misura non superiore ad un quinto, tenendo conto delle particolari circostanze del caso concreto e previa motivazione sulle condizioni soggettive del danneggiato.

Fatto salvo, dunque, il criterio delle tabelle standard, dalla sentenza traspare un’altra importantissima precisazione. Anche se il codice delle assicurazioni, quando parla di risarcimento, fa espressa menzione solo del “danno biologico”, il risarcimento con l’aumento di un quinto può essere esteso anche al “danno morale”. E ciò perché, in passato, con una importante sentenza, le Sezioni Unite della Cassazione [4] hanno affermato che il danno non patrimoniale va inteso come un’unica categoria (è pertanto da escludere l’esistenza e l’autonoma liquidabilità del danno “esistenziale”).

Insomma – conclude la sentenza – il codice delle assicurazioni non si chiude solo al risarcimento del danno biologico: quando ne ricorrono i presupposti, il giudice può avvalersi della possibilità di incremento dell’ammontare del danno morale entro il limite di un quinto.


note

[1] C. Cost. sent. n. 235/14.

[2] Art. 139 cod. ass.

[3] Art. 139, comma 3, cod. ass.

[4] Cass. S.U. sent. n. 26972/08. Il danno morale è la sofferenza personale suscettibile di costituire un’ulteriore posta risarcibile del danno non patrimoniale (che comunque resta unitario) e che esso, nel caso in cui l’illecito configuri reato, “rientra nell’area del danno biologico, del quale ogni sofferenza, fisica o psichica, per sua natura intrinseca costituisce componente”.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube