Questo sito contribuisce alla audience di
Diritto e Fisco | Articoli

Tacito rinnovo dell’assicurazione auto

1 Novembre 2022 | Autore:
Tacito rinnovo dell’assicurazione auto

È lecito prorogare la durata della polizza Rc auto obbligatoria alla scadenza? Che cosa succede con le garanzie accessorie facoltative?

Tra le tante scadenze da ricordare c’è anche quella che riguarda la polizza Rc auto: lasciar passare la scadenza senza rinnovarla può costare delle sanzioni poco piacevoli. Fino a non molto tempo fa, tutto succedeva in automatico: se l’automobilista non chiedeva il contrario, la compagnia procedeva autonomamente a prolungare il tempo di copertura della polizza in cambio del pagamento di un premio. Era quello che si chiamava «tacito rinnovo dell’assicurazione auto».

Ora, però, le cose non stanno proprio così. La legge consente il tacito rinnovo solo per alcuni tipi di polizze, mentre per altre ci vuole il coinvolgimento del diretto interessato. E tra queste ultime c’è proprio l’assicurazione auto. Vediamo, quindi, cosa bisogna fare quando la polizza obbligatoria sulla responsabilità civile sta per scadere.

Quanto dura la polizza Rc auto?

La polizza Rc auto è l’assicurazione sulla responsabilità civile che obbligatoriamente deve essere stipulata per qualsiasi veicolo a motore. Tutela dai rischi che possono derivare dai danni causati dalla circolazione, come abbiamo spiegato nell’articolo Cosa copre l’Rc auto?.

Di norma, l’assicurazione auto dura 12 mesi. La decorrenza e la scadenza sono indicate nel contratto. Chi ha la polizza annuale (è la prassi) ha un periodo di tolleranza di 15 giorni dalla data di scadenza, dopodiché, se non c’è stato il rinnovo:

  • in caso di incidente, la compagnia non risarcirà alcun danno;
  • ad un controllo di Polizia scatteranno le sanzioni.

Quindi, se, ad esempio, la polizza scade il 31 dicembre, l’assicurato resterà coperto fino al 15 gennaio. Dal giorno successivo, correrà i rischi appena citati. Per la precisione – dice la legge – «se alle scadenze convenute il contraente non paga i premi successivi, l’assicurazione resta sospesa dalle ore ventiquattro del quindicesimo giorno dopo quello della scadenza» [1].

Da precisare, come detto, che la tolleranza di 15 giorni interessa solo le assicurazioni auto annuali e non quelle di durata inferiore.

Assicurazione auto: cos’è il tacito rinnovo?

Il tacito rinnovo di una polizza assicurativa è la procedura che comporta il proseguimento automatico di un contratto alla scadenza quando il contraente non ha dato la relativa disdetta entro un certo termine (di solito, entro 30 giorni prima).

Per l’assicurazione auto, però, negli ultimi anni, ci sono stati degli importanti cambiamenti. Il tacito accordo sulla polizza Rc auto, infatti, è stato abolito dal 1° gennaio 2013. Che significa?

Il Codice delle assicurazioni private stabilisce quanto segue: «Il contratto di assicurazione obbligatoria della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore e dei natanti ha durata annuale o, su richiesta dell’assicurato, di anno più frazione, si risolve automaticamente alla sua scadenza naturale e non può essere tacitamente rinnovato […]. L’impresa di assicurazione è tenuta ad avvisare il contraente della scadenza del contratto con preavviso di almeno trenta giorni e a mantenere operante, non oltre il quindicesimo giorno successivo alla scadenza del contratto, la garanzia prestata con il precedente contratto assicurativo fino all’effetto della nuova polizza» [2].

Questo passaggio ci dà quattro informazioni fondamentali per capire i diritti dell’automobilista sul rinnovo della sua polizza, vale a dire:

  • i contratti di assicurazioni auto della durata minima di un anno si concludono automaticamente alla data di scadenza. Vuol dire che il tacito rinnovo può intervenire sulle polizze di durata inferiore se previsto dal contratto;
  • la compagnia è obbligata ad avvisare il contraente del fatto che il suo contratto assicurativo sta per scadere. La comunicazione deve arrivare almeno 30 giorni prima della scadenza;
  • la copertura sulla responsabilità civile deve rimanere attiva per i 15 giorni successivi alla data di scadenza;
  • il contraente deve firmare un nuovo contratto assicurativo dopo ogni scadenza.

Tacito rinnovo assicurazione auto e cambio di compagnia

C’è un’ulteriore importante conseguenza dell’abolizione del tacito rinnovo, ed è quella che consente al contraente di non dover dare la disdetta della propria polizza nel caso in cui voglia cambiare compagnia. Che cosa vuol dire?

Supponiamo che Tizio abbia un’assicurazione auto in scadenza a fine ottobre. Con il tacito rinnovo, alla scadenza la durata della sua polizza sarebbe stata prorogata. Così, se nel frattempo avesse trovato una compagnia che offre delle condizioni più vantaggiose, avrebbe dovuto rivolgersi alla propria agenzia per disdire il contratto assicurativo. Non essendoci più il tacito rinnovo, a Tizio basterebbe aspettare la fine di ottobre per portare la sua polizza a scadenza e firmare un nuovo contratto con una compagnia concorrente, dato che il vincolo con quella attuale viene meno con lo scadere della polizza.

Tacito rinnovo: che succede con le garanzie accessorie?

Discorso diverso per quanto riguarda le garanzie accessorie dell’assicurazione auto, cioè quelle che il contraente non è tenuto a sottoscrivere obbligatoriamente, come invece deve fare per la responsabilità civile, senza la quale non può circolare.

Parliamo, quindi, delle coperture per furto/incendio, la kasko, la polizza vetri, quella contro il rischio da eventi atmosferici, ecc.

Oggi ci sono due possibilità:

  • nel caso in cui le garanzie accessorie siano state pattuite insieme alla polizza Rc, rimane comunque abolito il tacito rinnovo;
  • nel caso in cui queste garanzie facoltative siano state sottoscritte in un contratto diverso da quello obbligatorio della Rc auto, le compagnie possono applicare il tacito rinnovo.

note

[1] Art. 1901 cod. civ.

[2] Art. 170-bis co. 1 cod. ass. priv.


Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube