Diritto e Fisco | Articoli

Quando la gelosia diventa stalking

18 Giugno 2022 | Autore:
Quando la gelosia diventa stalking

Il reato di atti persecutori sussiste quando la vittima è bersagliata da condotte ossessive, moleste e minacciose, che le mettono paura e la costringono a cambiare abitudini di vita.

I comportamenti ossessivi, morbosi e opprimenti nei confronti del partner sono una triste realtà. Molte coppie di fidanzati, di conviventi di fatto e anche di coniugi si lasciano proprio per questo. C’è chi non è più disposto a sopportare le pressioni moleste e minacciose del compagno o della compagna, ma chi le pone in essere spesso non riesce a capire che sta commettendo un reato e pensa che sia soltanto una forma d’amore.

La gelosia è innanzitutto un sentimento interiore, una disposizione d’animo, e si può discutere quanto si vuole sulla sua origine e sui possibili rimedi ma, sul terreno dei fatti concreti, bisogna constatare che a volte, purtroppo, questo atteggiamento si traduce in comportamenti ingiustificati, aggressivi e persecutori. Queste condotte sono dirette contro la persona che si vorrebbe “avere”, e che così diventa il bersaglio di quelle “attenzioni” ossessive e sgradite. Talvolta, gli atti sono estesi anche alle persone che la vittima frequenta, come un nuovo compagno o la sua cerchia di amici.  Ecco quindi come, in tutte queste situazioni, anche la gelosia diventa stalking.

Bisogna, dunque, constatare questo fenomeno e trarne le dovute conseguenze giuridiche, perché, come vedremo, lo stalking è un grave reato e la gelosia non lo scrimina affatto, anzi può costituirne il movente animatore che unifica le varie condotte illecite in un unico intento persecutorio: il disegno malsano perseguito e attuato da chi vorrebbe trattenere, o riconquistare, con mezzi illeciti una determinata persona, coartando la sua volontà.

Quando la gelosia diventa stalking

Una nuova sentenza della Corte di Cassazione [1] ha deciso il caso di un uomo che tempestava la propria ex compagna di telefonate e messaggi, per convincerla a tornare con lui, costringendola così a cambiare numero di telefono per sfuggire alle sue insistenze. Non è finita qui, perché la ragazza non poteva più neanche andare a lavorare, per il rischio di trovarsi di fronte l’uomo che la perseguitava, e così ha perso il posto ed è rimasta disoccupata.

Inutile anche il trasferimento della donna dal Nord al Sud Italia (precisamente, dal Piemonte, dove viveva, alla Puglia, suo luogo d’origine): l’uomo geloso continuava ad inseguirla e perseguitarla, fino a minacciarla di morte con un coltello. E, infine, lo stalker aveva anche aggredito fisicamente il nuovo compagno della donna.

I caratteri del reato di stalking

Dalla vicenda che abbiamo delineato emergono compiutamente tutti i caratteri del reato di stalking, chiamato dalla legge «delitto di atti persecutori». Secondo l’art. 612 bis del Codice penale, lo stalking si configura in presenza di molestie o minacce – non isolate ma reiterate – che provocano alla vittima almeno una di queste serie conseguenze:

  • un perdurante e grave stato di ansia e di paura;
  • un fondato timore per la propria incolumità, o per quella di un prossimo congiunto o di persona con cui si ha una relazione affettiva;
  • il cambiamento delle proprie abitudini di vita.

Stalking per gelosia: è reato?

Ecco quindi che lo stalking per gelosia diventa reato se sussistono gli elementi che abbiamo descritto, come è avvenuto appunto nel caso deciso dalla Cassazione con la sentenza che puoi leggere per esteso nel box sotto questo articolo. In quella vicenda già la Corte d’Appello aveva individuato la causa scatenante delle condotte illecite compiute dallo stalker proprio nella sua «asfissiante gelosia» e in un «desiderio di possesso» che si era tradotto, attraverso continue molestie e minacce alla ragazza ed al suo nuovo compagno, nella commissione del reato di atti persecutori.

L’uomo è stato condannato, e anche il suo ricorso in Cassazione è stato respinto: la tesi della reciproca «forte gelosia» che la donna avrebbe nutrito nei suoi confronti non ha convinto i giudici di piazza Cavour, perché non scriminava affatto il reato di stalking che era stato chiaramente compiuto dall’uomo e non poteva rappresentare una causa di giustificazione.

Approfondimenti

Per altre informazioni di approfondimento sul reato di stalking e per la differenza da figure di reato affini, leggi anche:


note

[1] Cass. sent. n. 23366 del 15.06.2022.

Autore immagine: depositphotos.com

Cass. pen., sez. V, ud. 11 maggio 2022 (dep. 15 giugno 2022), n. 23366
Presidente Palla – Relatore Belmonte

Ritenuto in fatto

1.Con la sentenza impugnata, la Corte di appello di Torino ha confermato la decisione del G.U.P. del Tribunale di quella stessa città, che aveva dichiarato M.R. colpevole di atti persecutori ai danni di A.S., con cui aveva avuto una relazione sentimentale, condannandolo alla pena di giustizia, con le statuizioni in favore della parte civile.

2.Ha proposto ricorso per cassazione l’imputato, con il ministero del difensore di fiducia, che svolge un unico motivo, con il quale denuncia vizi della motivazione nella affermazione di responsabilità. Sostiene che la sentenza impugnata non ha adeguatamente scrutinato l’evento del reato, omettendo di replicare alle doglianze dell’appellante, e fornendo una motivazione contraddittoria, laddove ha individuato nella persona offesa la vittima di atti persecutori, pur dando atto della reciproca conflittualità e gelosia.

Considerato in diritto

1.II ricorso è inammissibile, vuoi perché finalizzato a una diversa, quanto inammissibile, ricostruzione in fatto, sia perché reiterativo di motivi già proposti dinanzi al giudice dell’appello, e da questi congruamente vagliati e puntualmente disattesi. Motivi del genere più che specifici, come richiede l’art. 581 c.p.p., risultano soltanto apparenti, in quanto omettono di assolvere la tipica funzione di una critica argomentata avverso la sentenza oggetto di ricorso (Sez. U. n. 8825 del 27/10/2016, dep. 2017, Galtelli, Rv. 268822; conf. Sez. 2, n. 42046 del 17/07/2019 Rv. 277710). La mancanza di specificità del motivo, invero, deve essere apprezzata non solo per la sua genericità, come indeterminatezza, ma anche per la mancanza di correlazione tra le ragioni argomentate dalla decisione impugnata e quelle poste a fondamento dell’impugnazione, questa non potendo ignorare le esplicitazioni del giudice censurato senza cadere nel vizio di a-specificità, conducente, a mente dell’art. 591 c.p.p., comma 1 lett. c) all’inammissibilità (ex plurimis, Sez. 5, n. 28011 del 15/02/2013, Rv. 255568; Sez. 2, n. 42046 del 17/07/2019 Rv. 277710).

2. Omette il ricorrente di confrontarsi con la motivazione della sentenza impugnata che ha ben spiegato le ragioni per cui la versione dell’imputato – tendente a sminuire i fatti e a ricondurli nell’ambito di un rapporto sentimentale fortemente conflittuale – sia smentita dagli altri risultati istruttori. La Corte di appello ha individuato la causa scatenante della condotta dell’imputato nella asfissiante gelosia dell’uomo, e nel desiderio di possesso manifestatosi attraverso condotte ossessive e minacce anche di morte fino alla lite con il nuovo compagno della donna, a seguito della quale M. venne arrestato.

3.Parimenti puntuale lo scrutinio dell’evento del reato, in relazione al quale la sentenza impugnata ha posto in luce lo stato di ansia, la preoccupazione, la condizione di prostrazione nel quale era caduta la persona offesa a seguito della condotta petulante, molesta, asfissiante dell’imputato, anche connotata da angherie, come quando la donna si vide costretta a chiudersi nell’auto per sfuggire alle minacce del ricorrente, armato di un coltello. D’altro canto, la Corte di appello ha anche dato atto del cambiamento di abitudini della persona offesa, in tal senso venendo in rilievo il cambio del numero di utenza cellulare, il trasferimento presso amici e parenti, anche in (omissis), da (omissis), e finanche la perdita del lavoro, quale conseguenza della condotta dell’imputato che impediva alla persona offesa di andare a lavorare. Non è superfluo ricordare che, ai fini della configurabilità del reato di atti persecutori, trattandosi di delitto che prevede eventi alternativi, la realizzazione di ognuno di essi è idonea ad integrarlo, e che la prova dell’evento non può che essere ancorata ad elementi sintomatici di tale turbamento psicologico, atteso che non può scandagliarsi diversamente “il foro interno” della vittima. Assumono allora importanza, ai fini della prova, sia le dichiarazioni della stessa vittima del reato, sia i “comportamenti conseguenti e successivi alla condotta posti in essere dall’agente e anche da quest’ultima, considerando tanto la sua astratta idoneità a causare l’evento, quanto il suo profilo concreto in riferimento alle effettive condizioni di luogo e di tempo in cui è stata consumata” (Sez. 5, n. 14391 del 28/02/2012, Rv. 252314).

4.Con tale solida struttura argomentativa il ricorso non si confronta realmente, limitandosi a sostenere le proprie ragioni difensive in modo incoerente con i risultati dibattimentali, secondo uno schema deduttivo inammissibile, per le ragioni anzidette, e per la genericità estrinseca derivata dalla aspecificità (sul tema, cfr., tra le altre, Sez. 2, n. 11951 del 29/1/2014, Lavorato, Rv. 259425; Sez. 5, n. 28011 del 15/2/2013, Sannmarco, Rv. 255568; Sez. 2, n. 19951 del 15/5/2008, Lo Piccolo, Rv. 240109; vedi, altresì, più di recente, Sez. 2, n. 42046 del 17/7/2019, Boutartour). A fronte di una motivazione conforme ai criteri fissati dall’art. 192, c.p.p., che impone una valutazione unitaria e non atomistica della prova, principio cardine del processo penale (cfr. Cass., sez. VI, 28.9.1992, n. 10642, rv. 192157), le doglianze difensive sul punto (peraltro di natura prevalentemente fattuale), non colgono nel segno, laddove fanno riferimento alla gelosia della persona offesa e a un suo atteggiamento ambivalente, e non si rivelano idonee a scardinare la ratio decidendi della sentenza, che ha tratto la sussistenza del delitto previsto dall’art. 612 bis c.p. da una compiuta ricostruzione della condotta dell’imputato, prendendo in considerazione la condizione della persona offesa e il contesto di riferimento.

5.Alla declaratoria di inammissibilità segue per legge la condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali nonché, trattandosi di causa di inammissibilità determinata da profili di colpa emergenti dal ricorso al versamento, in favore della Cassa delle Ammende, di una somma che si stima equo liquidare in Euro 3000,00.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube