Diritto e Fisco | Articoli

Cassazione contro studi di settore: accertamento nullo se non indica gli standard

19 Ottobre 2014
Cassazione contro studi di settore: accertamento nullo se non indica gli standard

Nullo l’atto impositivo che non indica né motiva sugli standard utilizzati: l’Agenzia delle Entrate deve rispettare il principio di buona amministrazione.

Dura presa di posizione della Cassazione contro gli studi di settore, lo strumento utilizzato dal Fisco per rilevare i parametri fondamentali di reddito dei professionisti, autonomi e aziende, mediante la raccolta dei dati caratterizzanti l’attività svolta e il contesto economico.

L’accertamento (detto “induttivo”) e il conseguente atto impositivo inviato dall’Agenzia delle Entrate – in caso di scostamento tra il reddito dichiarato dall’autonomo/libero professionista e quello degli studi di settore – è nullo se non indica né motiva sugli standard utilizzati.

L’Agenzia delle Entrate è tenuta a rispettare – sostiene nella sentenza la Corte – il principio di buona amministrazione. E pertanto l’atto deve contenere l’indicazione dei parametri utilizzati nonché i motivi della richiesta. Difatti, il semplice scostamento dagli standard è insufficiente a sorreggere una pretesa tributaria da parte dell’amministrazione nei confronti del contribuente.

L’accertamento tributario standardizzato mediante applicazione dei parametri o degli studi di settore – continua la Cassazione – costituisce un sistema di presunzioni semplici: la sanzione, quindi, non può scattare automaticamente con il solo scostamento del reddito dichiarato rispetto agli standard in sé considerati – i quali sono semplici strumenti di ricostruzione per elaborazione statistica della normale redditività – ma nasce solo dopo il necessario incontro con contribuente (cosiddetto contraddittorio), da attivare obbligatoriamente, pena la nullità dell’accertamento.


note

[1] Cass. sent. n. 22003 del 17.10.2014.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube