Diritto e Fisco | Articoli

Quando si prescrive una multa non pagata?

3 Luglio 2022
Quando si prescrive una multa non pagata?

Quando decade la multa e la cartella esattoriale per scadenza dei termini. 

Anche le multe stradali vanno in prescrizione. E – buona notizia – il termine è più breve di quello previsto per tasse e imposte. Se poi si considera che i Comuni, per quanto ligi e intransigenti nell’accertare le infrazioni stradali, non sono poi altrettanto solerti nel recupero di tali entrate, ben si comprende quanto probabile sia liberarsi del debito per decorso dei termini. 

Per stabilire quando si prescrive una multa non pagata bisogna tenere in considerazione alcuni aspetti fondamentali. Il primo: c’è differenza tra il termine per inviare la multa e quello di prescrizione della multa stessa. Il secondo: se la multa non si paga, la notifica della cartella esattoriale interrompe il termine di prescienze ma deve intervenire entro un termine ben prestabilito oltre il quale il Comune perde il proprio diritto di credito. Il terzo: i termini di prescrizione della cartella di pagamento per la multa non pagata sono gli stessi di quelli previsti per il verbale; ragion per cui c’è sempre la possibilità di sottrarsi al pagamento.

Ma procediamo con ordine e vediamo quando si prescrive una multa non pagata.

Qual è il termine di prescrizione di una multa?

Le multe stradali si prescrivono in 5 anni. Non vengono forniti chiarimenti in merito al giorno a partire dal quale inizia a decorrere il termine. A nostro avviso, i 5 anni di prescrizione vanno fatti partire non già dal ricevimento del verbale ma dal 61° giorno successivo, perché è da questo momento che il diritto di credito del Comune può essere fatto valere attraverso la procedura esecutiva.

Qual è il termine di prescrizione della cartella esattoriale per la multa non pagata

Se la multa stradale non viene pagata, il Comune iscrive a ruolo il proprio credito e incarica l’Agente per la Riscossione esattoriale – con cui ha stretto apposita convenzione – di recuperare le somme. L’Esattore deve notificare la cartella esattoriale entro 2 anni da quando il ruolo è stato dichiarato esecutivo (tale data viene indicata nella cartella stessa): diversamente si verifica la decadenza e la cartella può essere impugnata. In pratica, una volta decorsi due anni, opera la decadenza dalla possibilità di riscuotere la multa e quindi di notificare la relativa cartella.

La notifica della cartella esattoriale interrompe la prescrizione e la fa decorrere nuovamente da capo. Dal giorno del ricevimento della cartella esattoriale torna quindi a computarsi di nuovo il termine di prescrizione di 5 anni. Pertanto, se nei 5 anni successivi al ricevimento della cartella, l’automobilista non riceve alcun altro atto da parte dell’Esattore (sia esso una intimazione di pagamento, un preavviso di fermo, un pignoramento), la cartella per multa stradale non pagata cade in prescrizione e nulla è più dovuto.

Termine entro cui inviare la multa stradale

Diverso dal termine di prescrizione delle multe stradali e delle relative cartelle esattoriali – che, come visto, è di 5 anni – è il termine entro cui il verbale deve essere notificato al titolare dell’auto. In particolare, in tutti i casi in cui la contravvenzione non viene contestata immediatamente al conducente, la multa va spedita entro 90 giorni dalla data dell’infrazione (indipendentemente dal fatto che il verbale sia stato compilato in un momento successivo). Diversamente, il verbale è illegittimo e, per essere annullato, va contestato al Prefetto (entro 60 giorni dal ricevimento) o al giudice di Pace (entro 30 giorni dal ricevimento).

Ai fini della verifica del rispetto del termine di 90 giorni per la notifica della multa si considera non già il giorno il cui il destinatario ha ricevuto la raccomandata ma quello in cui la stessa è stata spedita dall’Agente accertatore (rilevabile dal codice a barre riportato sulla busta e verificabile attraverso un accertamento sul sito di Poste Italiane o del servizio di poste private eventualmente utilizzato).

Come far annullare una multa caduta in prescrizione?

Chi riceve un’intimazione di pagamento per una multa stradale non pagata ma caduta in prescrizione deve rivolgersi al Giudice di Pace entro 30 giorni per chiederne la cancellazione. Diversamente l’atto, per quanto illegittimo, diventa definitivo e va pagato.

Approfondimenti

Cartella multe stradali, prescrizione

Quando scadono le multe? 



Sostieni laleggepertutti.it

"La Legge per Tutti" è una testata giornalistica indipendente che da oltre 10 anni informa gratuitamente milioni di persone ogni mese senza il supporto di finanziamenti pubblici. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube