Diritto e Fisco | Articoli

Assenze scolastiche per malattia: cosa rischio?

25 Giugno 2022
Assenze scolastiche per malattia: cosa rischio?
Mia figlia, che è stata malata ed ha certificati medici che lo confermano, può non essere ammessa agli esami? Le manca il terzo voto in tutte le materie ed ha due insufficienze che avrebbe dovuto recuperare ma essendo stata malata ancora le ultime due settimane non ha potuto recuperare.

La normativa di riferimento è l’articolo 146 della legge n.352 dell’8 agosto 1995, in base alla quale gli alunni che, per assenze determinate da malattia, da trasferimento della famiglia o da altri gravi impedimenti di natura oggettiva, non hanno potuto essere valutati al termine delle lezioni, sono ammessi a sostenere, prima dell’inizio delle lezioni dell’anno scolastico successivo, prove suppletive che si concludono con il giudizio complessivo di ammissione o di non ammissione alla classe successiva.

L’ammissione a prove suppletive di esame è subordinata al giudizio del consiglio di classe che si esprime sulla valutabilità degli studenti, per assenze dovute a malattia o a trasferimento della famiglia.
Pertanto, se ne deduce che l’ammissione a prove suppletive di esame prevista dall’art. 146, l. 8 agosto 1995 n. 352 per gli alunni assenti per malattia, trasferimento della famiglia o per altri gravi impedimenti di natura oggettiva, è un potere discrezionale dell’organo scolastico che è il solo competente a deliberare sulla sussistenza delle condizioni per procedere alla valutazione degli studenti, sulla base non solo del numero, ma anche della tipologia delle assenze registrate (anche con riferimento alla loro cadenza e motivazione), il quale può essere oggetto di censura, in sede giurisdizionale, sotto limitati profili di errore, travisamento o illogicità manifesta
(T.A.R. Toscana Firenze, sez. I, 12/04/2007, n. 628).

Per tali ragioni, il mio consiglio è quello di prendere appuntamento con il dirigente scolastico e rappresentare la delicata situazione di Sua figlia, anche al fine di chiarire eventuali dubbi e comprendere quali sono le determinazioni del consiglio di istituto.

Nella denegata ipotesi in cui dovessero pubblicare la non ammissione agli esami di Sua figlia, non resterebbe che procedere con un ricorso al TAR al fine di richiedere la sospensiva del provvedimento e l’ammissione con deroga agli esami in questione.

D’altronde, Lei è in possesso di documenti che confermano l’impossibilità di Sua figlia a partecipare alle lezioni per cause di forza maggiore, legate al suo stato di salute.

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Salvatore Cirilla



Sostieni laleggepertutti.it

"La Legge per Tutti" è una testata giornalistica indipendente che da oltre 10 anni informa gratuitamente milioni di persone ogni mese senza il supporto di finanziamenti pubblici. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube