Fattura elettronica, cosa cambia ora per i forfettari

20 Giugno 2022 | Autore:
Fattura elettronica, cosa cambia ora per i forfettari

Dal prossimo mese, l’obbligo di fattura elettronica entra in vigore anche per chi opera a regime forfettario, ma tutto dipende da quanto percepito nel 2021. 

Anche per i forfettari è giunto il momento che in tanti avevano sperato di poter rimandare ma che, ora, li attende al varco. A partire dal 1° luglio 2022, scatta l’obbligo di fatturazione elettronica anche per tutti coloro che, a regime forfettario, nel 2021 hanno ottenuto ricavi o compensi superiori a 25mila euro. Per tutti gli altri, invece, la fatturazione elettronica sarà obbligatoria dal 1° gennaio 2024.

L’approvazione dell’estensione è giunta direttamente dal Consiglio Ue, al quale il nostro Paese si era rivolto per poter applicare quest’obbligo anche ai contribuenti di dimensioni più piccole, che erano rimasti esclusi dalla normativa [1]. Con il nuovo decreto legge [2], però, anche per il regime forfettario cambia tutto in tema di fatturazione.

L’unica eccezione all’obbligo è data per il terzo trimestre 2022 per i soggetti il cui obbligo di fatturazione parte dal 1 luglio 2022: in questo caso, non si applicheranno sanzioni su eventuali tardive fatturazioni se la fattura elettronica verrà emessa entro il mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione. È bene ricordare che la fattura risulta tardiva se emessa oltre i 12 giorni successivi alla prestazione o al servizio svolto.

Ma come funziona la fatturazione elettronica per chi è a regime forfettario? Ci sono una serie informazioni che il professionista deve conoscere prima del 1° luglio 2022, così da non incorrere in errore.

Innanzitutto, partiamo col chiarire che la fatturazione elettronica non modifica la numerazione della fattura o l’obbligo di tenuta di registri sezionali: la numerazione delle fatture elettroniche partirà là dove viene lasciata quella cartacea. Quindi, se l’ultima fattura «analogica» è la numero 17, la prima elettronica sarà la numero 18.

Più complicata è, invece, la conservazione delle fatture elettroniche, obbligatoria per legge [3], la quale deve rispettare una specifica procedura. Non basta, infatti, solo salvare sul computer il documento emesso, ma è necessario seguire il processo previsto dal Codice dell’amministrazione digitale, così da poterlo conservare per gli anni avvenire senza possibilità di perderli (ad esempio nel caso di rottura o furto del pc). Per conservare le fatture elettroniche è possibile usufruire del servizio di conservazione gratuita messo a disposizione dall’Agenzia delle Entrate entrando nel sito ufficiale e cliccando sul portale «Fatture e Corrispettivi».

Per quanto riguarda invece il calcolo dei ricavi e dei compensi, l’obbligo di fatturazione elettronica, come detto, scatta per tutti coloro che in regime forfettario nel 2021 abbiano guadagnato oltre i 25mila euro.

Ma come si calcola l’importo? Per un corretto calcolo di quanto ricavato è necessario tenere conto del regime contabile applicato nell’anno precedente e dei chiarimenti resi con le circolari 10E/2016 e 9E/2019. Nel caso in cui, per esempio, un professionista abbia fatturato per più attività, per ricavare l’importo totale dovrà sommare i ricavi e i compensi di tutte le attività esercitate.

Anche se la fattura è elettronica, l’imposta di bollo continuerà ad essere dovuta: la differenza starà nel fatto che dovrà essere indicato in fattura che il bollo è stato assolto con modalità elettronica e il corrispettivo versamento dovrà essere fatto sul sito web dell’Agenzia delle Entrate, sempre sul portale «Fatture e Corrispettivi». Il versamento di quanto dovuto per il bollo dovrà essere effettuato entro l’ultimo giorno del secondo mese successivo a quello del trimestre, quindi:

  • entro il 31 maggio;
  • entro il 30 settembre;
  • entro il 30 novembre;
  • entro il 28 febbraio.

Solo nel caso in cui l’importo dovuto per il primo trimestre non superi i 250 euro il versamento potrà essere effettuato entro il 30 settembre, mentre nel caso l’importo di primo e secondo trimestre assieme non superi i 250 euro potrà essere eseguito entro il 30 novembre.


note

[1] D.L. n. 127/2015, art. 1, comma 3

[2] D.L. n. 36/2022, art. 18

[3] D.p.r. 633/1972 art. 39


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube