Diritto e Fisco | Articoli

Lavoro subordinato del dipendente: per la legge contano solo i fatti

19 Ottobre 2014
Lavoro subordinato del dipendente: per la legge contano solo i fatti

Conta il principio di effettività nell’ambito del rapporto di lavoro: le parti non possono qualificare il rapporto di lavoro secondo la loro volontà, eludendo la disciplina legislativa.

Per stabilire se un soggetto abbia svolto lavoro subordinato o meno, ciò che conta sono il contenuto e le modalità di esecuzione del rapporto stesso. Pertanto, se il datore di lavoro e il lavoratore si sono accordati, “sulla carta”, per formalizzare un determinato tipo di contratto, mentre invece, nei fatti, se ne è realizzato un altro, il giudice deve dare prevalente valore al comportamento tenuto dalle parti. Detto in termini ancora più pratici: se il contratto di lavoro reca, come intestazione “Contratto di collaborazione professionale” o ancora “co.co.pro.” o sigle simili, ma nella sostanza il lavoratore è trattato come un normale dipendente, il rapporto va qualificato dal giudice come un normalissimo lavoro subordinato, con tutti gli effetti che ne conseguono in termini di retribuzione, TFR, licenziamento ed eventuale indennità sostitutiva del preavviso per il licenziamento.

A ripetere questo principio (che i giuristi sono soliti definire con il termine “principio dell’effettività nel diritto del lavoro”) è stata una recente sentenza della Cassazione [1].

Il giudice, quindi, non può negare la qualificazione di contratti di lavoro subordinato a rapporti che oggettivamente abbiano tale natura, anche se formalmente sono stati qualificati dalle parti in diverso modo, magari al fine di evadere la normativa lavoristica, ridurre il carico fiscale e previdenziale. In pratica, le parti non sono affatto libere, con le loro dichiarazioni inserite nel contratto, di evitare l’applicabilità della disciplina inderogabile prevista a tutela dei lavoratori a rapporti che, invece, abbiano contenuto e modalità di esecuzione propri del rapporto subordinato.


note

[1] Cass. sent. n. 21824/14 del 15.10.2014.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube