Diritto e Fisco | Articoli

Appartamento pignorato: chi paga quote e spese condominiali?

19 Ottobre 2014 | Autore:
Appartamento pignorato: chi paga quote e spese condominiali?

Breve guida illustrativa sui criteri legali che stabiliscono a chi addossare le quote condominiali e le spese relative ad immobili, ubicati in condomini, nel caso in cui gli stessi siano oggetto di procedure esecutive.

 

Può capitare, e negli ultimi anni accade sempre più frequentemente a causa della galoppante crisi economica, che in un condominio uno o più appartamenti, di proprietà di condomini assai indebitati nei confronti di terzi (ad esempio, banche o finanziarie), siano pignorati.

 

Il problema è che la vita condominiale non può arrestarsi e che, perciò, occorra comunque pagare le quote condominiali ed affrontare le spese per la gestione, ordinaria o straordinaria, delle parti comuni che costituiscono il condominio.

A chi addebitare le quote di queste spese che gravano sull’immobile pignorato?

 

La procedura esecutiva disciplinata dal Codice di procedura civile prevede che il creditore faccia pignorare l’immobile di proprietà del debitore (inviandogli, attraverso l’ufficiale giudiziario, un apposito atto detto appunto di pignoramento) e ne chieda poi al Giudice la messa all’asta per ottenere, dal ricavato della vendita, il soddisfacimento del suo credito.

Ebbene, fino a che l’immobile non viene acquistato all’asta, il condominio deve supplire alle spese alle quali il condomino moroso non riesce a far fronte ripartendole, pro quota (cioè applicando la tabella generale millesimale), tra i restanti condomini.

Andranno perciò ripartite tra tutti gli altri condomini (fino a che l’immobile non sia venduto all’asta), tutte le spese da addebitarsi pro quota a tale immobile: ad esempio la quota parte per l’assicurazione dell’intero stabile e tutte le spese per le riparazioni e le manutenzioni ordinarie e straordinarie dei beni comuni condominiali gravanti pro quota sull’immobile in questione.

Quando, invece, l’immobile pignorato sarà stato acquistato all’asta, delle spese condominiali su di esso gravanti sarà tenuto a rispondere, secondo ciò che dispone la legge [1], e dovrà quindi farvi fronte, l’acquirente all’asta dell’immobile in questione.

E per concludere si dirà che, ai sensi della normativa in vigore, l’acquirente all’asta di un immobile pignorato è obbligato al pagamento delle spese condominiali gravanti sull’immobile relative all’anno in corso al momento dell’acquisto e all’anno precedente all’acquisto.


note

[1] Art. 63 disp. att. cod. civ.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. ho l’appartamento pignorato e prossimo alla vendita all’asta. non ho il bene del possesso e quindi l’appartamento è vuoto. Domanda: sono tenuto al pagamento delle spese condominiali e alle spese del rifacimento del prospetto dell’edificio? Grazie e attendo Vostra risposta.

  2. ho l appartamento pignorato e prossimo a ll asta. non ho il bene del possesso e quindi l appartamento è vuoto. domanda? sono tenuto al pagamento delle spese condominiali? e alle spese rifacimento del prospetto de lledificio? aspetto riscondro. grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube