Diritto e Fisco | Articoli

Condomino paga spese urgenti: va rimborsato?

21 Giugno 2022 | Autore:
Condomino paga spese urgenti: va rimborsato?

Chi ha effettuato pagamenti per lavori necessari e indifferibili, anticipandoli di tasca propria e senza attendere l’amministratore, ha diritto alla restituzione?

In condominio, tutti i pagamenti dovrebbero essere effettuati dall’amministratore, che provvede autonomamente se si tratta di spese ordinarie e previa autorizzazione dell’assemblea nei casi di interventi straordinari, come i lavori di rifacimento della facciata. Il riparto delle spese condominiali sostenute, poi, segue l’ordinario criterio di suddivisione tra i condomini, in base al valore millesimale delle rispettive proprietà.

Tuttavia, non sono rari i casi in cui un condomino si fa carico di determinate spese, sostenendole di tasca propria. Ciò avviene specialmente quando bisogna pagare subito un determinato intervento compiuto d’urgenza e per vari motivi non si può attendere l’arrivo dell’amministratore: ad esempio perché l’artigiano arrivato sul posto per compiere la riparazione (idraulico, elettricista, ecc.) vuole essere saldato immediatamente, altrimenti non è disposto ad eseguire i lavori necessari nell’interesse di tutti. E allora si pone la questione: se un condomino paga spese urgenti, va rimborsato? Vediamo.

Spese urgenti: quando un condomino può anticiparle?

L’art. 1134 del Codice civile, intitolato: «Gestione di iniziativa individuale», stabilisce che: «Il condomino che ha assunto la gestione delle parti comuni senza autorizzazione dell’amministratore o dell’assemblea non ha diritto al rimborso, salvo che si tratti di spesa urgente». In base a questo chiaro principio un condomino non può, di sua iniziativa, “prendere in mano la situazione”, e decidere unilateralmente di compiere determinate spese, sia pure nell’interesse della compagine condominiale, altrimenti esse resteranno inevitabilmente a suo carico. Facciamo un esempio.

Un appartamento è soggetto a infiltrazioni d’acqua provenienti dalla grondaia non pulita e dalle mattonelle rovinate del terrazzo condominiale. Il condomino che è proprietario di quell’unità immobiliare decide di chiamare un’impresa per i lavori di sistemazione dei pluviali e il rifacimento della copertura dell’edificio, senza però informare l’amministratore e attendere le decisioni dell’assemblea per deliberare gli interventi necessari. Non essendo una spesa urgente, non potrà essere rimborsato dal condominio.

Spese urgenti: quali sono?

L’unica deroga possibile al principio che esclude il rimborso delle spese sostenute da un condomino in favore del condominio si verifica quando si tratta di spese urgenti: la legge non fornisce la definizione dei casi in cui ricorre l’urgenza, ma la giurisprudenza afferma che essa è ravvisabile quando si tratta di un ripristino indifferibile di impianti comuni, come ad esempio l’autoclave che fa arrivare l’acqua ai piani più alti dell’edificio [1].

Più in generale, la Corte di Cassazione [2] afferma che la nozione di urgenza va a braccetto con quella di «indifferibilità», che è un requisito oggettivo e constatabile anche a posteriori: precisamente, deve trattarsi di una «spesa sostenuta dal singolo condomino necessaria al godimento delle cose comuni al fine di evitare un nocumento, non necessariamente certo, alla cosa stessa, a terzi o ad alcuno dei condòmini, intervento che all’uopo debba eseguirsi senza ritardo».

Quando un condomino può farsi rimborsare le spese urgenti?

Questo fondamentale elemento dell’urgenza, intesa come vera e propria indifferibilità, ancora non basta per far ottenere il rimborso al condomino che ha anticipato la spesa, perché – come afferma un’altra pronuncia della Suprema Corte – [3] – bisogna anche dimostrare che, in quel particolare frangente in cui si è reso necessario un intervento urgente ed è avvenuto il pagamento della relativa spesa, non era possibile «avvertire tempestivamente l’amministratore o gli altri condomini».

A tal proposito, l’ultima ordinanza della Cassazione intervenuta sul tema [4] ha precisato che «va considerata urgente la spesa la cui erogazione non può essere differita, senza danno o pericolo, fino a quando l’amministratore o l’assemblea dei condomini possano utilmente provvedere». In tali situazioni, il rimborso è riconosciuto anche se i costi sostenuti dal singolo condomino sono stati elevati: nella vicenda esaminata, un condomino aveva anticipato spese non autorizzate dall’amministratore e dall’assemblea per un importo complessivo davvero ingente, di oltre 170mila euro (quantificato nel contratto di appalto stipulato con l’impresa incaricata dei lavori), ma è stato riscontrato che sussisteva la massima urgenza di eseguirli.

La Suprema Corte, però, ricorda che la prova dell’indifferibilità della spesa grava sempre sul condomino che l’ha sostenuta in proprio e ne chiede il rimborso al condominio: in particolare, egli deve «dimostrare la sussistenza delle condizioni che imponevano di provvedere senza ritardo e che impedivano di avvertire tempestivamente l’amministratore o gli altri condomini» [5].

Approfondimenti

Per altri ragguagli sull’argomento leggi:


note

[1] C. App. Lecce, sent. n. 61/2022.

[2] Cass. ord. n. 9280/2018, n. 18759/2016 e n. 13418/2014.

[3] Cass. ord. n. 27519/2011.

[4] Cass. ord. n. 19864 del 20.06.2022.

[5] Cass. ord. n. 33158/2019.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube