Diritto e Fisco | Articoli

Il biliardino è un gioco d’azzardo?

22 Giugno 2022 | Autore:
Il biliardino è un gioco d’azzardo?

Un recente provvedimento dell’Agenzia Dogane e Monopoli considera il calcio balilla soggetto ad autorizzazione amministrativa, come le slot machine; chi non la ha rischia pesanti sanzioni.

Il calcio balilla è un gioco che spopola da decenni in tutti i luoghi di ritrovo: gli italiani lo amano ed è difficile trovare qualcuno che, da bambino o da adulto, non abbia mai impugnato le manopole per mandare la pallina in gol e divertirsi insieme agli amici con questa popolare forma di calcetto da tavolo.

Ma il biliardino è un gioco d’azzardo? A prima vista sembra difficile qualificarlo come tale, e dunque assimilarlo alle slot machine o ai videopoker, che erogano un corrispettivo in denaro ai vincitori. Eppure – strano ma vero – un recentissimo provvedimento dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli [1] include tra gli «apparecchi di gioco» anche i vari tipi di «biliardo, composto da un tavolo rettangolare, montato su gambe ovvero su analoghi supporti, circondato da sponde, con o senza buche, che consente giochi, basati esclusivamente sull’abilità del giocatore, tramite il movimento di sfere impresso attraverso l’utilizzo di apposite stecche ovvero della mano». Questa ampia definizione comprende non solo i classici tavoli da biliardo utilizzati per il “gioco a stecca”, ma anche e proprio i comunissimi biliardini, che quindi vengono equiparati.

È vero che il calcio balilla non è un gioco a premi, altrimenti sarebbe soggetto alle prescrizioni del Testo Unico di Pubblica Sicurezza [1] e potrebbe essere installato solo su autorizzazione della Questura nei luoghi aperti al pubblico (come bar, ristoranti e stabilimenti balneari, o nei circoli privati; ma in base a questa normativa, anche gli «apparecchi e congegni di gioco lecito» che funzionano a moneta o a gettone e «attraverso i quali il giocatore esprime la sua abilità fisica, mentale o strategica» richiedono uno speciale nulla osta dell’Autorità all’installazione, e un certificato identificativo, con una targhetta da applicare su ogni apparecchio. Il nuovo decreto dell’Agenzia – che puoi scaricare qui  – richiama proprio questa normativa e dunque ritiene applicabile anche ai biliardini questo «regime autorizzatorio».

La conseguenza di questa severa impostazione è che diventa applicabile la sanzione amministrativa pecuniaria da 500 a 3.000 euro per apparecchio, prevista nei confronti di chi «distribuisce, installa o comunque consente l’uso in luoghi pubblici o aperti al pubblico o in circoli e associazioni di qualunque specie» di apparecchi di gioco (elettronico, elettromeccanico o manuale), tra cui biliardi e biliardini, «sprovvisti dei titoli autorizzatori».

Ed infatti, stando a quanto risulta dalle notizie stampa di questi giorni, molti organi di Polizia stanno procedendo a contravvenzionare esercenti e gestori di locali che hanno installato biliardini, per i quali, sinora, si riteneva non necessaria alcuna autorizzazione preventiva. Le associazioni di categoria ed il Forum del Terzo Settore hanno già richiesto chiarimenti all’Agenzia delle Dogane e Monopoli, evidenziando l’inopportunità di una norma che va a punire un gioco innocuo e di puro intrattenimento, come è il calcio balilla, che non può essere qualificato come d’azzardo o illegale. Per approfondire leggi anche l’articolo “Giochi d’azzardo: quali sono legali“.


note

[1] Adm, provv.  n. 151294/RU del 18.05.2021.

[2] Art. 110 R.D. n. 773/1931 (TULPS).

Autore immagine: Luke Rathbone su Wikipedia.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. L’unica verità, inoppugnabile, è che non sanno dove rastrellare soldi. Tra poco tasseranno anche l’aria che respiriamo, basandosi sulla capacità dei polmoni.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube