Cronaca | News

Perché il calciobalilla è a rischio «estinzione»

21 Giugno 2022 | Autore:
Perché il calciobalilla è a rischio «estinzione»

Se il dispositivo non è a norma, il locale rischia una multa fino a 4mila euro: un rischio tanto grande da poter portare alla sparizione del calcetto.

Se è vero che le partite più sentite di calciobalilla potrebbero aver distrutto qualche amicizia estiva, è altrettanto vero che, nonostante la competizione, per la maggior parte dei giocatori è e resta comunque solamente un gioco. Un modo semplice e coinvolgente per divertirsi e passare il tempo, che ha visto protagonisti innumerevoli giocatori dal polso scattante appartenenti a diverse generazioni. Non la pensa nello stesso modo l’Agenzia delle Dogane che recentemente ha multato il gestore di un locale che, proprio con il calcetto messo a disposizione dei suoi avventori, non si era adeguato alla normativa entrata in vigore lo scorso anno.

È vera la notizia che il mitico biliardino con il quale giovanissimi, giovani e non più tali, si sono divertiti (e si divertono) in spiaggia incorre ora nelle ire del fisco se non appositamente autorizzato. Chi non ha un «nulla osta di messa in esercizio» rischia una multa fino a 4.000 euro, come sa bene un gestore pugliese risultato inadempiente rispetto a quanto disposto dal decreto del direttore dell’Agenzia Dogane e Monopoli del 1° giugno 2021.

Benvenuti, insomma, nell’era del calciobalilla in qualche modo equiparato a dispositivi e giochi come il videopoker, all’azzardo e alle scommesse. Come spiegato da Adnkronos, si tratta di una situazione un po’ estrema, ma così anziché le atmosfere tossiche di casinò e bische, ecco ombrelloni, ciabatte e sabbia sui piedi mentre si manipola la stecca con i calciatori che devono andare a rete, anzi in buca, tra risate e capricci di pargoli, sul tavolo-campo di gioco, nato tra prima e seconda guerra mondiale e prodotto industrialmente in Francia a partire dal 1947.

I calciobalilla sono dunque destinati a scomparire dai locali? Difficile sapersi, anche se il consiglio è di goderselo finché c’è.

Il tema è così scottante che proprio oggi il senatore azzurro Maurizio Gasparri ha annunciato un’interrogazione per esentare il “temibilissimo” biliardino dalle disposizioni succitate, al grido di «detassiamo il calciobalilla, passione nella vita di tutti».

Anche due parlamentari leghisti come Daniele Belotti e Simona Pergreffi invocano di mettere giù le mani da biliardini e ping pong (anche il tennis da tavolo, infatti, è soggetto alla normativa) arrivando a proporre il commissariamento dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Ognuno, insomma, gioca la sua partita.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube