Cronaca | News

Perché l’Italia non è Paese di casalinghe disperate

22 Giugno 2022 | Autore:
Perché l’Italia non è Paese di casalinghe disperate

Una ricerca Istat mette in luce una scomoda verità: i pensionati sono più soddisfatti dei ragazzi tra i 14 e 19 anni, schiacciati da pandemia e incertezza.

Ti sei mai chiesto quanto sei soddisfatto della tua vita? Probabilmente, pensando a una risposta, ti verranno in mente tutte le preoccupazioni del momento, ma anche le soddisfazioni e i traguardi raggiunti in quest’ultimo periodo. Com’è normale che sia, nel 2021 ci sono state categorie più soddisfatte di altre, ma tra loro, purtroppo, non ci sono i più giovani.

«Bene ma non benissimo», direbbe qualcuno. Secondo uno studio condotto dall’Istat, la soddisfazione per la vita in Italia mediamente cresce, specialmente tra casalinghe, persone in cerca di occupazione e pensionati. A rimanere fuori da questa bolla di felicità sono però i giovanissimi che, guarda caso, sono stati i più toccati dal Covid e dalle misure poste in essere per evitarne la diffusione (si ricordi la chiusura prolungata delle scuole, l’impossibilità di fare sport o attività ludiche, ecc.), la cui soddisfazione è in calo rispetto all’anno precedente.

In base alla ricerca Istat, nel 2021, è in aumento la quota di persone di 14 anni o più soddisfatte per la propria vita nel complesso, con l’eccezione dei giovani di 14-19 anni, con una crescita più elevata della media tra gli ultrasettantacinquenni. In sostanza, i pensionati sono più felici dei ragazzini. Ruolo chiave lo giocano il titolo di studio e il lavoro, ma la differenza la fa anche la mansione svolta.

A fronte di un aumento del benessere soggettivo nel complesso, diminuisce molto la soddisfazione per alcuni aspetti specifici come il tempo libero (in particolare, per i più giovani e le donne) e le relazioni amicali. È in calo anche la soddisfazione per la salute, in particolare nelle classi di età tra i 45 e i 54 e tra i 65 e i 74 anni. Meno soddisfazione rispetto al passato anche per la dimensione lavorativa, in particolare tra le occupate.

Alla domanda «Attualmente, quanto si ritiene soddisfatto della sua vita nel complesso?», in base a un punteggio da 0 a 10 – dove 0 indica «per niente soddisfatto» e 10 «molto soddisfatto» -, nei primi mesi dello scorso anno il 46,0% delle persone di 14 anni e più attribuisce i punteggi più alti (8-10), il 39,5% giudica la propria vita mediamente soddisfacente (6-7) mentre il 12,7% la valuta con i punteggi più bassi (0-5).

La percentuale di cittadini che ha una valutazione molto positiva della propria vita ritorna ai livelli che aveva prima del crollo verificatosi nel 2012. La dinamica della soddisfazione è sorretta soprattutto dalla ripresa nei segmenti «deboli» di popolazione: anziani, residenti nel Mezzogiorno, disoccupati, casalinghe e persone meno istruite.

Rispetto alla condizione occupazionale, gli studenti esprimono più frequentemente giudizi positivi di soddisfazione: secondo lo studio, per il poco più della metà degli occupati e poco meno di quella degli studenti la soddisfazione è elevata. Anche la posizione nella professione incide: tra coloro che sono occupati, i dirigenti, gli imprenditori e i liberi professionisti, insieme ai quadri e agli impiegati, dichiarano livelli di soddisfazione più alti rispetto agli operai e ai lavoratori in proprio.

Rispetto all’anno precedente, tuttavia, non sono queste le categorie che hanno sperimentato il maggior incremento nella quota di soddisfatti. In particolare, gli studenti mostrano un calo e gli occupati una crescita modesta. Le persone in cerca di occupazione hanno registrato un aumento significativo dei giudizi positivi e anche le casalinghe risultano più soddisfatte e rispetto al 39,9% passano al 43,6%.

La soddisfazione generale aumenta con il titolo di studio. La stima dei molto soddisfatti riguarda il 39,6% di chi ha al massimo la licenza elementare e il 50,2% dei laureati. La soddisfazione dei laureati non evidenzia però alcuna crescita, mentre la categoria con l’incremento più elevato è quella dei meno istruiti (con la sola licenza elementare). Si tratta di un gruppo di popolazione per cui la crescita è avvenuta in tutte le fasce di età, anche se più forte in quelle più anziane.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube