Cronaca | News

Bonus 200 euro: chi ne godrà già a giugno

22 Giugno 2022 | Autore:
Bonus 200 euro: chi ne godrà già a giugno

Per alcune categorie di lavoratori sarà possibile beneficiare dell’indennità una tantum già col cedolino del mese di giugno. 

Manca sempre meno a luglio, mai così atteso come quest’anno, quando si potrà finalmente godere del bonus 200 euro, istituito dal Governo per aiutare gli italiani a far fronte al caro vita legato alla pandemia e alla guerra in Ucraina. Qualcuno, però, avrà diritto a godere dell’indennità prevista già a partire da giugno. Ci sono poi lavoratori che, al contrario, non potranno goderne affatto: è il caso di tutti coloro che si sono licenziati a giugno che a luglio non avranno un’occupazione e non rientreranno nei beneficiari della Naspi.

Il chiarimento arriva direttamente dall’Inps che, in una nota [1], ha chiarito meglio la normativa. Il bonus di 200 euro è disciplinato dall’articolo 31 del Decreto Aiuti [2] il quale prevede che venga riconosciuto «per il tramite dei datori di lavoro nella retribuzione erogata nel mese di luglio 2022» e «nel mese di luglio 2022, il credito maturato per effetto dell’erogazione dell’indennità […] è compensato attraverso la denuncia» UniEmens.

Per cancellare ogni dubbio l’Inps nella nota ha chiarito che «la retribuzione nella quale riconoscere l’indennità da parte dei datori di lavoro è quella di competenza del mese di luglio 2022, oppure, in ragione dell’articolazione dei singoli rapporti di lavoro (ad esempio, part-time ciclici) o della previsione dei Ccnl, quella erogata nel mese di luglio, seppure di competenza del mese di giugno 2022. Il rapporto di lavoro, in ogni caso, deve sussistere nel mese di luglio 2022».

Inoltre, chiarisce ancora l’Istituto nazionale di previdenza sociale, il bonus dovrà essere erogato nel mese di luglio anche nel caso in cui la retribuzione di competenza di luglio 2022 risulti azzerata a causa di eventi tutelati, come ad esempio la sospensione del rapporto di lavoro per ammortizzatori sociali o i congedi.

Il messaggio dell’Inps in poche righe chiarisce due elementi fondamentali. In primo luogo, che tutti coloro che si sono licenziati nel mese di giugno (e che non hanno trovato subito dopo un lavoro) non hanno diritto all’indennità una tantum prevista per i dipendenti, non essendoci  un rapporto di lavoro dipendente nel mese di luglio.

In secondo luogo è chiarito che, nonostante il bonus debba essere erogato con la retribuzione di competenza di luglio, è possibile che i 200 euro siano inseriti nella retribuzione di competenza del mese giugno erogata a luglio, nel caso in cui questo sia previsto da particolari contratti di lavoro o clausole del Ccnl. Questa particolare ipotesi si applica a due differenti casi:

  • quello dell’esistenza di un rapporto particolare come un part time ciclico (ossia, ad esempio, che prevede la prestazione del lavoratore a giugno ma non a luglio). In questo caso, il bonus potrà essere inserito già nel cedolino di paga del mese di giugno, anche se la retribuzione verrà corrisposta il mese dopo;
  • quello dell’azienda che applica un Ccnl che prevede lo slittamento della corresponsione degli emolumenti al mese successivo e il datore di lavoro paga lo stipendio entro il 5 del mese. Anche in questo caso, la busta paga di giugno potrà contenere il bonus.

note

[1] Inps n. 2505/2022

[2] D.L. n. 50/ 2022


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube