Legge di stabilità: le novità dell’ultimo minuto

21 Ottobre 2014
Legge di stabilità: le novità dell’ultimo minuto

Possibile aumento dell’IVA se i conti non terranno.

Non è stato ancora rilasciato il testo definitivo della nuova legge di stabilità che dovrà approdare a giorni dal Capo dello Stato per il visto definitivo. Intanto, all’ultimo minuto sono subentrate delle modifiche e integrazioni al testo originario. Eccole in sintesi.

Le novità

BONUS BEBÈ

Alle neo mamme gli 80 euro resta l’incognita reddito

Nella Legge di Stabilità ci sarà il bonus bebè di 80 euro per le neo mamme. Ma resta il nodo della possibile platea. L’ipotesi dei tecnici lo garantirebbe nuclei con reddito Isee, sotto i 30mila euro. Mentre ieri sera il ministro Lorenzin ha parlato “di reddito sotto i 90mila euro” per chi ha uno o due figli, e sopra dal terzo.

AUMENTO DELL’IVA AL 25,5%

Clausola IVA con salvaguardia

Per questo argomento rinviamo all’articolo: “Ulteriore aumento dell’IVA al 25,5%“.

DECONTRIBUZIONE

Tetto degli sgravi a 8.060. Resta il bonus apprendistato

Sale da 6.200 euro a 8.060 euro annui il tetto degli sgravi contributivi per 36 mesi, destinati alle nuove assunzioni a tempo indeterminato fatte nel corso del 2015. Non verrebbe poi più cancellata l’agevolazione di 12 mesi per i contratti d’apprendistato trasformati in rapporti stabili.

 

PATENT BOX

Sui redditi da brevetti sconto fiscale «modulato»

Entra nel testo della legge di stabilità la defiscalizzazione dei redditi da brevetti e altri beni immatieriali per 5 anni. L’esclusione dall’imponibile complessivo è nella misura del 30% nel primo periodo d’imposta (2015), del 40% nel secondo e del 50% nei successivi tre.

FONDI PENSIONE

Aliquota dall’11,5 al 20%. Il nodo della retroattività

La conferma è l’innalzamento dell’aliquota della tassazione sui Fondi pensione dall’11,5 al 20%. Un ritocco all’insù che, ha spiegato il ministro Padoan “si collega a una filosofia di adeguare il trattamento ai valori medi europei”. La novità è la possibile retroattività al 2014 del prelievo “maggiorato”.

 

DISMISSONI

Immobili della Difesa in vendita per 220 milioni

Prende quota il rafforzamento delle misure sulla vendita dei immobili e alloggi della Difesa. Le dismissioni dovranno determinare un miglioramento dei saldi di finanza pubblica per un importo non inferiore a 220 milioni nel 2015 e 100 nel 2016. Più incerto l’inserimento della norma sulle partecipate.

 

CLAUSOLA IVA

Senza tagli programmati aliquote su dal 2016

Perfezionata la “clausola Iva” voluta dal Governo per dare più garanzie a Bruxelles sul rinvio del pareggio di bilancio e l’uso del deficit: in assenza di nuovi interventi di “spending”, scatterebbe l’aumento delle aliquote del 10% e 22% a partire dal 2016 e, dal 2018, anche delle accise sui carburanti.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube