Cronaca | News

Ora Meloni ha paura delle elezioni politiche

27 Giugno 2022 | Autore:
Ora Meloni ha paura delle elezioni politiche

Dopo l’elezione ai ballottaggi di sette candidati del centrosinistra, quattro del centrodestra e due civici, Meloni chiama a raccolta la coalizione.

L’inaspettato successo – in alcune città – della sinistra alle ultime amministrative, che ai ballottaggi hanno visto il centrodestra sconfitto a Verona, Catanzaro, Parma, Monza, Piacenza ed Alessandria, ha portato la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni a richiamare all’ordine i suoi alleati e a chiedere unità in vista delle elezioni politiche del prossimo anno, in cui il centrodestra deve presentarsi compatto.

«Ricordiamoci che avversario è sempre la sinistra e mai partito alleato» ha detto Giorgia Meloni in un video messaggio postato sui social a commento del ballottaggio alle amministrative: «Occorre parlarsi, occorre parlarsi subito per fermare le polemiche e ricordarsi che l’avversario è sempre la sinistra e mai il partito alleato. Basta litigi, a partire dalla Sicilia, perché non possiamo rischiare di mettere a repentaglio il risultato delle elezioni politiche». Poi, ha dichiarato «Non siamo soddisfatti del risultato di questi ballottaggi, il centrodestra -certo- poteva fare meglio… […] Credo che il centrodestra debba fare una riflessione sul tempo che anche in queste elezioni ha inutilmente speso in polemiche interne».

Meloni, togliendosi qualche sassolino dalla scarpa, ha poi aggiunto «Trovo curiosa, ad esempio, la polemica continua da parte degli alleati sul mancato apparentamento a Verona con tanto di attacchi al sindaco di centrodestra a urne aperte, mentre a Catanzaro Fdi sosteneva lealmente un candidato che pure ci aveva negato l’apparentamento. Se sei tu il primo a dire che si perde è difficile che gli elettori crederanno nella vittoria».

La leader di Fdi ha poi citato la vittoria di Lucca dove il centrodestra era unito: «A Lucca, ad esempio, dove eravamo uniti siamo riusciti ad aggregare anche liste civiche di varia estrazione e abbiamo vinto. E sono contenta che proprio a Luca, come a Pistoia a l’Aquila e in molte altre città dove il centrodestra ha vinto o a riconfermato i sindaci, Fdi abbia trainato la coalizione, ma non basta: occorre parlarsi, parlarsi subito per fermare le polemiche».

Poi, in pieno stile Meloni, senza mezzi termini si è rivolta al leader del Pd, Enrico Letta, «il dato complessivo delle amministrative, visto che il Pd festeggia, ci obbliga a riportare Letta sul pianeta terra…il centrosinistra e i Cinque stelle governavano 56 Comuni, oggi ne governano 53. Il centrodestra governava 54 Comuni, oggi ne governa 58. La sinistra perde più della metà delle grandi città al voto e si ritrova con meno sindaci di prima: dov’è la vittoria di Enrico Letta? Se la sinistra è così convinta di aver vinto”, avverte la leader di Fdi, ”allora non avrà problemi a tornare subito alle politiche per confrontarsi… Certo, questi dati molto diversi da quelli sbandierati non ci bastano per festeggiare».

Della stessa linea di pensiero che inneggia all’unità sembra essere anche Antonio Tajani, vicepresidente di Forza Italia, che all’esito delle urne ha evidenziato come, quando il centro destra è unito, riesca a vincere, mentre dove non lo è finisca per perdere, riportando l’esempio di Verona. Per Tajani questo voto servirà per dare spazio a chiarimenti interni che saranno incentrati anche sul calo netto della Lega, di cui Salvini dovrà far fronte, che però vede l’intera alleanza protagonista.

Anche il vicepresidente del Senato, Ignazio La Russa, ha confermato: «il centrodestra ha vinto ovunque sia andato unito».

Questo voto, in sostanza, si è rivelato una lezione chiara che obbliga il centrodestra all’unità se vuole vincere le prossime elezioni.

Infine, anche il capo della Lega Matteo Salvini ora punta tutto sulla squadra per il Governo e afferma che per lui «l’incontro (con gli alleati) si può fare anche domani, non è possibile perdere in città importanti perché il Centrodestra si divide e sceglie di non allargarsi e di includere altre forze ed energie, per paura, per calcolo o per interesse di parte. Vediamoci e prepariamo la prossima squadra e il prossimo progetto di governo, subito, insieme».



Sostieni laleggepertutti.it

"La Legge per Tutti" è una testata giornalistica indipendente che da oltre 10 anni informa gratuitamente milioni di persone ogni mese senza il supporto di finanziamenti pubblici. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube