Diritto e Fisco | Articoli

Provoca incidente e scappa: legittimo l’arresto presso l’abitazione

31 Gennaio 2012 | Autore:
Provoca incidente e scappa: legittimo l’arresto presso l’abitazione

Legittimo l’arresto presso l’abitazione del pirata della strada che scappa dopo aver provocato l’incidente: sussiste la “quasi flagranza” di reato.

Se un pirata della strada scappa dopo aver provocato un incidente, la polizia può legittimamente arrestarlo presso la sua abitazione perché sussiste lo stato di “quasi flagranza”.

Così ha deciso la Cassazione [1], confermando l’arresto di un automobilista rumeno che, dopo aver causato un incidente, era scappato lasciando la vettura sul posto. Grazie a quest’ultima, la polizia era riuscita a risalire al suo indirizzo, procedendo direttamente all’arresto.

Secondo i giudici, l’arresto dell’automobilista che ha cagionato un sinistro e, dandosi alla fuga, è venuto meno all’obbligo di soccorrere le vittime, è legittimo se egli viene colto in uno “stato di flagranza” o di “quasi flagranza”.

La flagranza non deve essere intesa in modo rigido; essa infatti sussiste non solo quando il reo viene colto nel momento in cui compie l’illecito (flagranza vera e propria), ma anche quando, subito dopo il reato, è inseguito dalla polizia o dalla vittima o da terzi; oppure quando, pur essendo trascorso un certo lasso di tempo dalla commissione del fatto, egli viene sorpreso con cose o tracce (per es. la vettura nel caso di cui sopra) dalle quali appaia che abbia commesso il reato immediatamente prima (quasi flagranza)[2].

Inoltre la giurisprudenza, ai fini della configurabilità dell’arresto in flagranza di reato, fa pacificamente rientrare nel concetto di “inseguimento della polizia” non solo il vero e proprio inseguimento, ma anche l’attività di indagine che viene espletata senza soluzione di continuità dalle forze dell’ordine subito dopo la commissione del fatto, allo scopo di raggiungere il responsabile.

 

 


note

[1] C. Cass. sent. n. 3591/2012.

[2] Art. 382 cod. proc. pen.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube