Diritto e Fisco | Articoli

L’aumento della bolletta va preannunciato all’utente, chiarendo quanto e perché

23 Ottobre 2014
L’aumento della bolletta va preannunciato all’utente, chiarendo quanto e perché

Consumatori: le fatture di luce e gas possono essere illegittime ai sensi delle direttive comunitarie che impongono un alto livello di tutela sulla trasparenza delle condizioni generali di contratto; l’utente deve poter recedere o comunque contestare la revisione della tariffa.

Sarà forse la fine degli aumenti “a sorpresa” delle bollette di luce e gas, preannunciati solo da qualche trafiletto sui giornali o dall’immancabile servizio al TG. La Corte di Giustizia europea [1] è appena scesa in campo in favore dei consumatori, stabilendo un principio di tutela del mercato e della trasparenza che non ha precedenti, almeno nel campo delle bollette delle utenze: la compagnia deve preannunciare all’utente l’incremento delle tariffe; ma non solo: l’incremento deve essere motivato. Ossia vanno date compiute spiegazioni al consumatore sulle ragioni per cui, da quel momento, pagherà di più. Non basta quindi dire “il gas aumenterà di tot…”; andrà anche data una spiegazione. E il consumatore ha diritto a recedere dal contratto di utenza o comunque di contestare la revisione.

Obbligo di comunicazione

Le direttive comunitarie [2] non consentono che le leggi degli Stati membri (come quella tedesca), che determinano il contenuto dei contratti di fornitura dell’energia elettrica e del gas e consentono ai fornitori di modificare la tariffa, non garantiscano nello stesso tempo il diritto dei consumatori ad essere informati in tempo utile dei motivi, delle condizioni e della portata del rincaro.

I principi comunitari – osservano i giudici di Lussemburgo – obbligano gli Stati membri a garantire un elevato livello di tutela dei consumatori riguardo alla trasparenza delle condizioni generali di contratto”. Oltre a ciò spetta sempre il diritto di recedere dal contratto in caso di revisione di prezzo, oltre che di contestare la modifica della tariffa applicata alla fornitura.


note

[1] C. Giust. UE cause riunite C-359/11 e C-400/11 del 23.10.2014.

[2] Direttive UE “energia elettrica” 2003/54 e “gas” 2003/55.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube