Questo sito contribuisce alla audience di
Diritto e Fisco | Articoli

Reato di evento: cos’è?

26 Novembre 2022 | Autore:
Reato di evento: cos’è?

Crimini: quante tipologie ci sono? Quali sanzioni prevede la legge? Qual è la differenza tra reati di evento e reati di pura condotta?

Ogni reato costituisce un fatto molto grave che, per questo motivo, deve essere punito dalla legge. Non tutti i crimini, però, sono uguali: infatti, mentre alcuni di essi si realizzano semplicemente tenendo un comportamento proibito dalla legge, per altri occorre che si verifichi una precisa conseguenza negativa. Si prenda il caso emblematico dell’omicidio: uccidere una persona significa compiere un’azione (premere il grilletto della pistola, sferrare una pugnalata, ecc.) alla quale segue un determinato risultato (la morte della vittima). Cos’è il reato di evento?

Come vedremo, ai reati di evento si contrappongono i cosiddetti “reati di azione” (o “reati di pura condotta”) che, da un certo punto di vista, sono più semplici da realizzare. In ogni caso, va precisato sin da subito che tutti gli illeciti penali sono puniti dalla legge: pertanto, le differenze che andremo a vedere servono solamente per capire meglio come funzionano determinati reati rispetto ad altri. Se l’argomento ti interessa e vuoi saperne di più, prosegui nella lettura: vedremo insieme cosa sono i reati di evento.

Reato: cos’è?

Si definisce “reato” la condotta illegale punita con una sanzione che prende il nome di “pena”. Reato e illecito penale sono quindi sinonimi.

Reati: quanti tipi?

La legge prevede due tipi di reati:

  • i delitti, che costituiscono gli illeciti penali più gravi, alcuni dei quali puniti perfino con l’ergastolo;
  • le contravvenzioni, che rappresentano illeciti penali meno gravi, puniti al massimo con tre anni di arresto.

Reati: come sono puniti?

Come anticipato, le sanzioni previste per i reati prendono il nome di “pene”. Secondo la legge [1], le pene stabilite per i delitti sono:

  • l’ergastolo;
  • la reclusione;
  • la multa.

L’ergastolo è la pena detentiva perpetua, mentre la reclusione è la pena detentiva che va da 15 giorni a 24 anni. La multa, invece, è una pena pecuniaria e consiste nel pagamento di una somma che può andare da 50 euro fino a un massimo di 50mila.

Le pene stabilite per le contravvenzioni sono:

  • l’arresto;
  • l’ammenda.

L’arresto è una pena detentiva che può andare da 5 giorni a 3 anni, mentre l’ammenda è una pena pecuniaria che consiste nel pagamento, a favore dello Stato, di una somma non inferiore a 20 euro né superiore a 10mila.

Reati di evento: cosa sono?

Si definiscono “reati di evento” tutti gli illeciti penali per i quali è necessario che a una condotta segua una specifica conseguenza.

Ad esempio, l’omicidio è un reato di evento perché all’azione del responsabile (esplosione di un colpo d’arma da fuoco, accoltellamento, ecc.) segue un evento, cioè la morte della vittima. Lo stesso dicasi per le lesioni personali: dalla condotta violenta del reo deve derivare una malattia per la vittima.

Possiamo quindi affermare che sono reati di evento tutti quelli in cui è possibile separare l’azione dall’evento, la causa dall’effetto, purché il secondo sia conseguenza diretta della prima. Ciò che punisce la legge è l’evento, non l’azione.

Reati di evento e reati di azione: differenza

Ai reati di evento si contrappongono i reati di azione (o di pura condotta), in cui manca l’evento, cioè il fatto che segue alla condotta del reo.

Ad esempio, l’evasione è un reato di azione perché il colpevole non deve fare altro che infrangere la misura restrittiva a cui è sottoposto.

Ad esempio, chi è ristretto a casa agli arresti domiciliari commette evasione se si allontana in strada anche solo per un attimo. In un caso del genere non c’è nessun evento, nessuna conseguenza, ma la legge punisce l’evaso per il semplice fatto di non aver rispettato il provvedimento che gli imponeva di non uscire di casa.

Lo stesso dicasi per il porto d’armi abusivo: non occorre usare l’arma, è sufficiente averla con sé per essere già dalla parte del torto.

Insomma: nei reati di azione, il crimine si configura con la semplice realizzazione della condotta vietata, cosa che non accade invece nei reati di evento, per cui è necessario che si verifichi un certo fatto proibito dalla legge e che questo sia il risultato dell’azione del colpevole.

Reati di evento: quanti tipi?

I reati di evento si suddividono a loro volta in due tipologie diverse:

  • a forma libera, quando l’evento è punito dalla legge a prescindere dal tipo di condotta del reo. Ad esempio, l’omicidio punisce l’uccisione di una persona indipendentemente da come essa sia avvenuta (colpo di pistola, avvelenamento, annegamento, ecc.);
  • a forma vincolata, quando l’evento è punito solo se è conseguenza di una certa azione. È il caso del reato di epidemia [2], punito dalla legge solamente se causato dalla diffusione di germi patogeni.

In altre parole, mentre i reati di evento a forma libera sono puniti senza tener conto di come il danno sia stato prodotto, i reati di evento a forma vincolata puniscono solo l’evento che sia conseguenza di una precisa condotta stabilita dalla legge.


Nei reati di azione il crimine si configura con la semplice realizzazione della condotta vietata, cosa che non accade nei reati di evento, per cui è necessario che si verifichi un certo fatto proibito dalla legge e che questo sia il risultato dell’azione del colpevole.

note

[1] Art. 17, cod. pen.

[2] Art. 438, cod. pen.

Autore immagine: depositphotos.com


Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube