Questo sito contribuisce alla audience di
Diritto e Fisco | Articoli

Cosa serve per una perizia immobiliare?

26 Novembre 2022 | Autore:
Cosa serve per una perizia immobiliare?

Cos’è e a cosa serve la relazione preparata da un tecnico esperto del settore immobiliare? Che valore ha la perizia in giudizio?

Effettuare la stima di un immobile può essere molto utile per tante ragioni; ad esempio, il proprietario può essere interessato a conoscere il prezzo di mercato per mettere in vendita la propria abitazione, così come, dal proprio canto, il futuro acquirente potrebbe chiedere una perizia per valutare il valore effettivo dell’immobile che intende comprare. La perizia immobiliare è addirittura essenziale per ottenere un mutuo, per tutte le ragioni che vedremo. Con questo articolo ci soffermeremo su questo argomento, cercando di rispondere, tra le altre, anche a questa domanda: cosa serve per una perizia immobiliare?

Il tecnico a cui ci si affida per redigere questa particolare relazione ha in effetti bisogno di consultare alcuni documenti, i quali possono risultare decisivi per la perizia. Inoltre, non è possibile prescindere da un sopralluogo, cioè da una verifica dei luoghi che bisogna descrivere. Se l’argomento ti interessa e vuoi saperne di più, prosegui nella lettura: vedremo insieme cosa serve per una perizia immobiliare.

Perizia immobiliare: che cos’è?

La perizia immobiliare è la relazione redatta da un tecnico avente ad oggetto un bene immobile, come ad esempio una casa o un terreno.

Perizia immobiliare: chi la fa?

La perizia immobiliare è preparata da un tecnico specializzato; in genere, si tratta di un professionista iscritto a un albo, come ad esempio un ingegnere, un geometra, un architetto o un agronomo (quest’ultimo, con specifico riferimento ai terreni). Solo queste persone, infatti, hanno le competenze necessarie per poter valutare correttamente un immobile.

Non è tuttavia da escludere che il soggetto incaricato a redigere una perizia immobiliare possa essere anche un’altra persona, come ad esempio un agente immobiliare, particolarmente esperto del settore.

Perizia immobiliare: a cosa serve?

La perizia immobiliare serve a capire qual è il valore di mercato dell’immobile. Si tratta in pratica di una stima che può servire tanto al proprietario quanto al possibile acquirente: il primo potrà valutare a quale prezzo dovrà mettere in vendita il suo bene, il secondo potrà invece comprendere se le pretese del venditore sono giuste o meno.

Mutuo: perché serve la perizia immobiliare?

La perizia immobiliare è particolarmente importante quando si chiede un mutuo alla banca. L’istituto di credito, prima di erogare il prestito, incarica un proprio tecnico di effettuare una perizia sull’immobile che il cliente vuole acquistare con i soldi che ha chiesto.

La perizia immobiliare serve alla banca per calibrare l’entità del mutuo: infatti, generalmente il prestito concesso dall’istituto di credito è pari all’80% del valore dell’immobile così come risultante dalla perizia.

Ma non solo: la perizia immobiliare rappresenta una garanzia per la banca, la quale, conoscendo il valore dell’immobile, potrà pignorarlo nel caso in cui il mutuatario si renderà inadempiente.

Perizia immobiliare: cosa serve per farne una?

Il professionista incaricato di redigere una perizia immobiliare ha bisogno di alcuni documenti; i più importanti sono:

  • l’atto di provenienza (compravendita, donazione, divisione, sentenza di usucapione, ecc.);
  • la planimetria catastale, cioè la copia della scheda catastale contenente la planimetria dell’immobile oggetto di stima;
  • la visura catastale storica, che consente di evidenziare le eventuali modifiche catastali avvenute nel corso degli anni all’immobile, nonché di controllare il corretto accatastamento dell’immobile;
  • il computo metrico estimativo (se l’immobile è da ristrutturare);
  • i certificati attestanti la legittimità urbanistica edilizia (permesso di costruire, condono, sanatoria ecc.);
  • il certificato di conformità edilizia e agibilità.

Oltre a questa documentazione, per fare una perizia immobiliare occorre che il professionista incaricato effettui un sopralluogo, cioè un’ispezione personale, in modo da prendere visione direttamente dello stato dell’immobile, il quale potrebbe ben essere difforme rispetto alle planimetrie e all’altra documentazione in possesso.

Perizia immobiliare: che valore ha?

La perizia immobiliare non ha un vero e proprio valore legale, nel senso che, se si dovesse andare in giudizio per un contenzioso riguardante l’immobile, il giudice non sarebbe obbligato a tenerne conto oppure a credere a ciò che c’è scritto in essa.

Il discorso non cambia nemmeno nell’ipotesi di perizia giurata: anche in questo caso, il giudice non è vincolato dalla legge ad attenersi a ciò che risulta in essa.

Il giudice invece ritiene generalmente affidabile la perizia redatta da un proprio consulente tecnico d’ufficio, cioè da un esperto scelto all’interno di uno speciale albo che c’è in ogni tribunale.

La relazione di questo perito ha particolare valore (pur non vincolando il giudice) in quanto redatta da una persona che, prestando giuramento al momento dell’accettazione dell’incarico, commetterebbe un reato se non svolgesse onestamente il proprio lavoro.

Quanto costa una perizia immobiliare?

Il costo di una perizia immobiliare è rimesso agli accordi tra le parti, cioè tra chi conferisce l’incarico e il professionista che l’accetta.

In genere, una perizia immobiliare non costa mai meno di 300 o 400 euro, ma non è detto che il tecnico possa chiedere una parcella inferiore o, al contrario, molto più elevata, anche a seconda del tipo di immobile da stimare.

Per quanto riguarda la perizia immobiliare nell’ambito di una procedura di mutuo, sebbene sia la banca a commissionarla al proprio tecnico di fiducia, è sempre il cliente a doverne sostenere i costi, con somma da pagare direttamente all’istituto di credito.



Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube