Questo sito contribuisce alla audience di
Diritto e Fisco | Articoli

Posta ordinaria e prioritaria: come funzionano?

26 Novembre 2022 | Autore:
Posta ordinaria e prioritaria: come funzionano?

Quali servizi accessori mette a disposizione Poste Italiane per inviare una lettera o un plico? Quali sono i tempi di consegna?

L’avvento della posta elettronica (normale o certificata) ma anche lo sviluppo dei servizi di messaggistica istantanea (da Messenger a WhatsApp e altri) ha cambiato radicalmente il modo di comunicare a distanza. Se prima si era costretti a prendere, come direbbe il mitico Totò, «carta, penna e calamaio», a mettere la lettera in una busta, appiccicarci un francobollo e a spedirla sperando che arrivasse al destinatario nel più breve tempo possibile, oggi si può inviare un documento originale scansionato via e-mail o Pec con valore legale, si possono mandare delle foto o dei contenuti multimediali via WhatsApp, e via dicendo. Questo ha modificato in qualche modo il servizio postale? Posta ordinaria e prioritaria come funzionano al giorno d’oggi?

Poste Italiane mantiene la sua offerta tradizionale e l’impegno ad assicurare – come si legge nelle condizioni generali – «la fornitura del servizio universale e delle prestazioni in esso ricomprese, di qualità determinata, da fornire permanentemente in tutti i punti del territorio nazionale, incluse le situazioni particolari delle isole minori e delle zone rurali e montane, a prezzi accessibili all’utenza». Questo servizio universale comprende:

  • la raccolta, il trasporto, lo smistamento e la distribuzione degli invii postali fino a 2 kg;
  • la raccolta, il trasporto, lo smistamento e la distribuzione dei pacchi postali fino a 20 kg;
  • i servizi relativi agli invii raccomandati ed agli invii assicurati.

Vediamo, allora, nel dettaglio e in maniera schematica come funzionano la posta ordinaria e quella prioritaria.

Posta ordinaria: che cos’è e come funziona?

Il servizio di posta ordinaria è quello che consente di spedire corrispondenza fino a 2 kg. Ci sono quattro modalità per fruirne:

  • Posta4: gli invii sono diretti in Italia, affrancati con francobollo o mediante le impronte degli strumenti in uso dagli impiegati della posta e consegnati presso gli uffici o inseriti nelle apposite cassette;
  • Posta4pro: gli invii sono diretti in Italia, affrancati con l’impronta di macchine affrancatrici, altri strumenti meccanici o elettronici presso il cliente o presso Poste Italiane ovvero senza materiale affrancatura ed accettati presso gli appositi centri pubblicati sul sito web poste.it o tramite ulteriori modalità, comprese quelle telematiche, comunicate da Poste Italiane;
  • Postamail internazionale: garantisce gli invii ordinari diretti all’estero, affrancati ed accettati con le stesse modalità previste per gli invii diretti nel territorio nazionale;
  • Posta4 online: gli invii vengono effettuati via web. In tal caso, Poste Italiane riceve il documento in formato digitale e provvede a stamparlo, imbustarlo e recapitarlo al destinatario. La stampa avviene entro due giorni lavorativi successivi alla spedizione online.

Questi quattro servizi permettono di effettuare invii da qualsiasi luogo d’Italia verso qualsiasi località del territorio nazionale o estero e funzionano da lunedì a sabato. Le spedizioni realizzate di sabato vengono inoltrate il lunedì successivo.

La puntualità del recapito non dipende solo da Poste Italiane ma anche dall’utente. Viene richiesto, infatti, di:

  • rispettare gli orari limite di impostazione affissi sulle cassette e indicati allo sportello dell’ufficio postale;
  • attenersi alle caratteristiche di prodotto pubblicate sul sito poste.it e presso gli uffici postali;
  • specificare correttamente il Cap, cioè il codice di avviamento postale.

Viene offerto gratuitamente il servizio di giacenza nel caso in cui non sia stato possibile consegnare il plico a destinazione. L’invio rimane presso l’ufficio di distribuzione di competenza per dieci giorni a decorrere da quello indicato nell’avviso di giacenza lasciato dal postino nella cassetta delle lettere del destinatario.

Entro quando viene consegnata la posta ordinaria?

Gli obiettivi di qualità e di tempi di consegna dichiarati da Poste Italiane sono i seguenti:

  • consegna in quattro giorni lavorativi (esclusi sabato e festivi) successivi a quello di accettazione nel 90% dei casi;
  • consegna in sei giorni lavorativi (esclusi sempre sabato e festivi) successivi a quello di accettazione nel 98% dei casi;
  • consegna in Europa in otto giorni lavorativi (esclusi sabato e festivi) successivi a quello di accettazione nell’85% dei casi;
  • consegna nel Bacino del Mediterraneo in 12 giorni lavorativi (esclusi sabato e festivi) successivi a quello di accettazione nell’85% dei casi;
  • consegna in Nord America e Oceania in 16 giorni lavorativi (esclusi sabato e festivi) successivi a quello di accettazione nell’85% dei casi;
  • consegna nel resto del Mondo in 22 giorni lavorativi (esclusi sabato e festivi) successivi a quello di accettazione nell’85% dei casi.

Che succede, però, se non si rientra in queste percentuali, cioè se questi tempi non vengono garantiti? Il cittadino può presentare il reclamo:

  • per l’invio non recapitato in Italia, dal 10° giorno lavorativo successivo alla data di spedizione ma non oltre i tre mesi;
  • per l’invio non recapitato in Europa, dal 15° giorno lavorativo successivo alla data di spedizione ma non oltre i sei mesi;
  • per l’invio non recapitato in altri Paesi, dal 30° giorno lavorativo successivo alla data di spedizione ma non oltre i sei mesi.

Per Posta4 online, il giorni per presentare il reclamo sono maggiorati di due giorni.

Non sono, però, previsti rimborsi o indennizzi.

Posta prioritaria: che cos’è e come funziona?

La posta prioritaria consente di effettuare degli invii fino a 2 kg accorciando i tempi di recapito rispetto alla posta ordinaria.

Anche in questo caso ci sono diversi servizi:

  • Posta1: gli invii sono diretti in Italia, affrancati con francobollo o mediante le impronte degli strumenti in uso dagli impiegati della posta e consegnati presso gli uffici o inseriti nelle apposite cassette;
  • Posta1pro: gli invii sono diretti in Italia, affrancati con l’impronta di macchine affrancatrici, altri strumenti meccanici o elettronici presso il cliente o presso Poste Italiane ovvero senza materiale affrancatura ed accettati presso gli appositi centri pubblicati sul sito web poste.it o tramite ulteriori modalità, comprese quelle telematiche, comunicate da Poste Italiane;
  • Postapriority internazionale: garantisce gli invii ordinari diretti all’estero, affrancati ed accettati con le stesse modalità previste per gli invii diretti nel territorio nazionale. Bisogna, tuttavia, apporre sulla busta l’etichetta blu “by airmail / via aerea” che individua il prodotto;
  • Posta1 online: gli invii vengono effettuati via web. In tal caso, Poste Italiane riceve il documento in formato digitale e provvede a stamparlo, imbustarlo e recapitarlo al destinatario per posta prioritaria. La stampa avviene entro due giorni lavorativi successivi alla spedizione online.

Il mittente ha la possibilità di ricevere l’informazione sull’esito della consegna o, nel caso della Postapriority Internazionale, sull’arrivo al centro di scambio internazionale di Poste Italiane.

Come la posta ordinaria, anche quella prioritaria prevede un servizio gratuito di giacenza qualora non sia possibile effettuare la consegna. Il destinatario può recarsi presso l’ufficio postale competente per ritirare il plico entro dieci giorni dalla data indicata nell’avviso di giacenza lasciato dal postino nella cassetta delle lettere.

Entro quando viene consegnata la posta prioritaria?

Poste italiane si pone come obiettivi di qualità e di consegna la seguente tempistica:

  • consegna in un giorno lavorativo successivo a quello di accettazione per almeno l’80% degli invii provenienti e destinati a Comuni serviti per cinque giorni a settimana;
  • consegna in due giorni lavorativi successivi a quello di accettazione per almeno l’80% degli invii provenienti o destinati a Comuni serviti a giorni alterni;
  • consegna in tre giorni lavorativi successivi a quello di accettazione per almeno l’80% degli invii provenienti e destinati a Comuni serviti a giorni alterni.
  • consegna in quattro giorni lavorativi successivi a quello di inoltro nella rete postale per almeno il 98% degli invii a prescindere dal fatto che l’invio provenga o sia destinato ad un Comune servito a giorni alterni;
  • consegna in tre giorni lavorativi (esclusi sabato e festivi), oltre quello di spedizione, per l’85% degli invii diretti a Paesi Europei;
  • consegna in cinque giorni lavorativi (esclusi sabato e festivi), oltre quello di spedizione, per il 97% degli invii diretti a Paesi Europei;
  • consegna in 4/5 giorni lavorativi (esclusi sabato e festivi), oltre quello di spedizione, per l’85% degli invii diretti a Paesi del Bacino del Mediterraneo;
  • consegna in 5/6 giorni lavorativi (esclusi sabato e festivi), oltre quello di spedizione, per l’85% degli invii diretti a Paesi del Nord America;
  • consegna in 7/8 giorni lavorativi (esclusi sabato e festivi), oltre quello di spedizione, per l’85% degli invii diretti a Paesi del resto delle Americhe, in Asia ed in Oceania.
  • consegna in 8/9 giorni lavorativi (esclusi sabato e festivi), oltre quello di spedizione, per l’85% degli invii diretti ad altri Paesi dell’Africa.

Per le mancate consegne, è possibile presentare reclamo:

  • per l’Italia, dal 6° giorno lavorativo successivo alla data di spedizione ma non oltre i tre mesi;
  • per l’Europa, dal 10° giorno lavorativo successivo alla data di spedizione ma non oltre i sei mesi;
  • per altri Paesi, dal 20° giorno lavorativo successivo alla data di spedizione ma non oltre i sei mesi.

Per la Posta1 online, i tempi per presentare reclamo sono maggiorati di due giorni lavorativi. Non sono previsti nemmeno in questo caso rimborsi o indennizzi.



Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube