Diritto e Fisco | Articoli

Società tra avvocati: potranno chiamarsi S.T.A.

26 Ottobre 2014
Società tra avvocati: potranno chiamarsi S.T.A.

Non è più necessaria l’indicazione nominativa e il titolo professionale di tutti i soci o di un socio seguito da altri.

La legge europea 2013 bis, approvata lo scorso 21 ottobre, ha riformato la disciplina italiana sulle società tra avvocati [1]. Una scelta dovuta all’esigenza di evitare il ricorso alla Corte di giustizia Ue [2], ormai alle porte, da parte della Commissione, non convinta della corretta applicazione della direttiva comunitaria sulle società tra legali, volta a facilitare l’esercizio permanente della professione di avvocato in uno Stato membro diverso da quello in cui è stata acquistata la qualifica [3].

Con le modifiche introdotte dalla legge europea viene cambiata la ragione sociale delle società tra avvocati che dovranno riportare semplicemente la denominazione con la formula abbreviata “S.t.a” (appunto, “Società tra avvocati”). Non sarà quindi più necessario, come imposto in passato, l’indicazione nominativa e il titolo professionale di tutti i soci o di un socio seguito da altri.

Resta da vedere se questa modifica sarà ritenuta sufficiente per chiudere il procedimento di infrazione. Già con la precedente legge europea [4] erano cadute le restrizioni relative alla partecipazione degli avvocati stabiliti nelle società, non richiedendosi più l’obbligo di presenza di un avvocato italiano nella composizione societaria.


note

[1] Con un nuovo intervento sul Dlgs 96/2001, con il quale era stata recepita la direttiva 98/5/Ce.

[2] Direttiva n. 98/5.

[3] Procedimento 1753/11/Mark.

[4] L. europea 97/2013.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube