Questo sito contribuisce alla audience di
Diritto e Fisco | Articoli

Chi ha la precedenza: chi entra o chi esce?

8 Gennaio 2023 | Autore:
Chi ha la precedenza: chi entra o chi esce?

Come regolarsi all’entrata e all’uscita di un parcheggio o di un passo carrabile: chi ha diritto di passare per primo.

Di recente, mentre eri alla guida della tua auto e stavi per immetterti nel parcheggio del supermercato, sei incorso in un sinistro con un veicolo in uscita. Come accade quasi sempre è nata una discussione tra te e l’altro automobilista, perché ognuno dei due pretendeva di avere ragione. Vi siete lasciati rimanendo in disaccordo ed hai in programma di chiamare la tua agenzia di assicurazioni per chiedere come devi comportarti. Vorresti però capire, anche per il futuro, come ci si regola quando si effettuano manovre di entrata e di uscita da parcheggi e passi carrabili. Chi ha la precedenza: chi entra o chi esce? La risposta a questa domanda è abbastanza semplice e tra poco la conoscerai. A tal fine, parleremo delle varie situazioni che comportano l’immissione sulla strada pubblica o l’uscita da essa, per poi esaminare la norma che regola le precedenze in questi casi. Inoltre, illustreremo le norme di comportamento che il conducente di un veicolo deve tenere per prevenire un incidente e, qualora questo si verifichi, per evitare di incorrere in responsabilità.

In quali casi si entra o si esce dalla strada pubblica?

Sono diverse le situazioni in cui un veicolo si immette sulla strada pubblica (o, come vedremo più avanti, di pubblico passaggio) oppure esce da essa. Ciò avviene in particolare:

  • all’entrata e all’uscita dei parcheggi;
  • all’entrata e all’uscita dei passi carrabili.

Diverso è il caso di chi si immette in un’autostrada o in una strada a scorrimento veloce oppure,  viceversa, ne esce utilizzando le apposite rampe. Queste ultime, infatti, sono realizzate in modo tale da non consentire l’incrocio tra veicoli in entrata e in uscita.

Vediamo adesso più da vicino come funzionano i parcheggi e i passi carrabili, strutture che incontriamo e utilizziamo frequentemente ma che forse non conosciamo abbastanza.

In cosa consistono i parcheggi?

I parcheggi sono spazi destinati alla sosta prolungata dei veicoli. Alcuni sono privati: si pensi a quelli dei condomini, dei supermercati e dei centri commerciali.

Vi sono poi i parcheggi pubblici, che possono avere diverse dimensioni, ubicazioni e caratteristiche. In ogni caso, devono trovarsi al di fuori della carreggiata in modo tale da non ostacolare la circolazione dei veicoli su di essa. Vi sono:

  • parcheggi di dimensioni più o meno ampie situati in aree a volte delimitate;
  • stalli posti ai margini della carreggiata.

I parcheggi sono indicati da apposita segnaletica verticale e orizzontale. La segnaletica verticale consiste in cartelli di colore blu con una P maiuscola di colore bianco; quella orizzontale in strisce che delimitano la posizione nella quale i veicoli devono essere parcheggiati.

Le strisce possono avere colore diverso:

  • bianco se tutti hanno la possibilità di parcheggiare gratuitamente;
  • blu se occorre pagare un ticket in funzione della durata del parcheggio;
  • giallo se l’area è riservata a determinati soggetti (ad esempio disabili o forze dell’ordine).

In cosa consistono i passi carrabili?

Il passo carrabile è lo sbocco sulla pubblica via da un’area privata: ad esempio, un garage o una villa.

Il cittadino, per potere fruire della possibilità di entrare e uscire senza intralci dalla sua proprietà, deve chiedere al Comune o all’Ente proprietario della strada pubblica l’autorizzazione a creare uno sbocco per l’accesso a quest’ultima. In relazione a ciò, egli è tenuto a pagare una tassa che deve essere versata ogni anno. La regolarizzazione del passo carrabile autorizza il titolare ad apporre all’ingresso di esso un apposito cartello recante un divieto di sosta; questo gli consente di chiamare la polizia municipale qualora qualcuno parcheggi impedendogli di utilizzarlo.

Molti accessi alle proprietà private, tuttavia, non sono regolamentari; ma per quello che qui ci interessa ciò non rileva. Infatti, anche nel caso in cui il proprietario di un garage o di una villa non abbia regolarizzato il passo carrabile, si pone il problema di stabilire quale veicolo abbia la precedenza tra quelli che vi transitano. Così, pure, può essere che la strada sulla quale avviene lo sbocco sia privata, ma comunque percorsa da veicoli: anche in questa ipotesi occorre stabilire se debba passare per primo chi entra in una proprietà o chi esce da essa.

Chi ha la precedenza: chi entra o chi esce?

Tra chi entra e chi esce, chi passa per primo? La risposta a questa domanda è semplice ed è data da un’apposita previsione del Codice della strada [1], secondo cui in caso di sbocco su strada da luoghi nei quali non vi è pubblico passaggio vi è l’obbligo di dare la precedenza ai veicoli che circolano su di essa.

I parcheggi, pubblici o privati che siano, sono luoghi in cui non vi è pubblico passaggio; infatti essi sono destinati alla sosta e non alla circolazione dei veicoli. il passaggio, invece, implica il transito di questi ultimi, che effettuano una percorrenza in modo ininterrotto finché non giungono a destinazione.

Quanto ai passi carrabili, essi sono a maggior ragione luoghi non soggetti a pubblico passaggio, perché costituiscono lo sbocco su strada di una proprietà esclusiva di una o più persone.

Per quanto riguarda la strada, non rileva se essa sia pubblica (cioè di proprietà di un Ente come lo Stato o il Comune) o privata: ciò che importa è che essa sia fruibile da un numero indeterminato di veicoli che vi transitano per recarsi da un luogo all’altro e che vi sia un pubblico passaggio.

Ecco la risposta alla domanda che ci siamo posti inizialmente: chi esce da un parcheggio o da un passo carrabile deve sempre dare la precedenza a chi entra; quest’ultimo, infatti, proviene dalla strada e quindi da un luogo di pubblico passaggio.

Come devono comportarsi i veicoli in entrata e in uscita?

Abbiamo stabilito, tra chi entra o chi esce, chi ha la precedenza. In ogni caso, nell’effettuare la manovra in entrata o in uscita, tutti i guidatori devono tenere una condotta prudente e seguire alcune semplici regole di comportamento allo scopo di evitare incidenti. Ecco dunque come devono comportarsi.

Come ci si immette in un parcheggio o in un passo carrabile?

Chi intende immettersi in un parcheggio o in un passo carrabile deve, innanzitutto, segnalare la sua intenzione azionando l’apposito indicatore di direzione. Se la carreggiata è ampia, deve posizionarsi quanto più possibile vicino alla sua parte centrale, senza invadere la corsia opposta e dare la precedenza ai veicoli provenienti da quest’ultima.

Quando non vi è nessun mezzo in transito sulla suddetta corsia, il guidatore può immettersi nel parcheggio o passo carrabile, controllando con lo specchietto retrovisore esterno che non vi siano veicoli intenzionati a sorpassarlo mentre effettua la svolta.

Se il parcheggio consiste in uno stallo posto al margine della carreggiata, il guidatore che vi si vuole immettere deve, anche in questo caso, segnalare la manovra e poi entrare nell’apposito spazio delimitato cercando di non intralciare la circolazione.

Come si esce da un parcheggio o da un passo carrabile?

Chi esce da un parcheggio o da un passo carrabile deve, innanzitutto, segnalare se intende andare a destra o a sinistra azionando l’indicatore di direzione; deve quindi fermarsi per il tempo necessario ad accertarsi che non vi siano veicoli in transito sulla strada. Se vi sono mezzi che stanno circolando deve dare ad essi la precedenza.

Inoltre, in ragione di quello che abbiamo detto, se contemporaneamente c’è un veicolo che si appresta a entrare, il conducente di quello in uscita deve fermarsi per consentirgli la manovra, arretrando di poco, se necessario, finché questa non è stata effettuata.


note

[1] Art. 145 comme 6 C.d.S.


Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube