Diritto e Fisco | Articoli

Il genitore che si fa le canne perde l’affido condiviso

27 Ottobre 2014
Il genitore che si fa le canne perde l’affido condiviso

Affido esclusivo se l’altro coniuge fa uso di spinelli, anche se dice che ora ha smesso; inutile produrre il certificato medico: la prova delle cartine lasciate alla portata del minore inchiodano l’ex.

Separazione: se l’ex si fa le canne, perde l’affidamento del figlio. Così, scatta l’affido esclusivo a favore dell’altro genitore che riesce a dimostrare che le cartine, con la sostanza stupefacente, vengono lasciate alla portata del minore.

A sancire questo rigoroso principio è il Tribunale di Catania in una recente pronuncia [1].

A far perdere, dopo la separazione, l’affidamento condiviso sul figlio minore è la prova di non aver perso la dipendenza dall’uso delle droghe leggere e di essere solito lasciare, alla portata del minore, gli strumenti per la preparazione degli spinelli e i relativi residui.

Solo la dimostrazione di aver smesso con quella che il giudice chiama una “insana abitudine” potrebbe rimettere “in gioco” il genitore affetto dal vizio. Tuttavia, per fornire tale dimostrazione al magistrato, è necessario il referto sanitario proveniente da una struttura pubblica. Non basta solo il certificato medico proveniente da un laboratorio privato: l’Azienda Sanitaria locale, invece, è prova – secondo il giudice siciliano – di maggiore affidabilità.

Insomma, solo la prova conclamata che nell’organismo del genitore non c’è più traccia di cannabis può condurre il giudice ad optare per quella che, di norma, è la regola generale: l’affidamento del figlio ad entrambi i genitori dopo la rottura.

Nel caso di specie, posta la tenera età della bambina, il giudice ha permesso gli incontri della minore con il padre presso la casa ove abita la madre, per assicurare un luogo protetto e familiare alla piccola, per due pomeriggi a settimana, il sabato mattina o la domenica mattina, alternativamente.


note

[1] Trib. Catania, ord. del 25.09.2014.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. Farsi le canne è una insana abitudine? Lo decide il giudice?
    Mentre bere Alcool, fumare tabacco, mangiare cibo di qualità discutibile, sono abitudini sane?

    Questa decisione del tribunale di Catania rasenta l’idiozia….. oltre ad essere probabilmente anticostituzionale….

    Poco male, io e mia moglie non siamo separati….. le canne ce le fumiamo entrambi…… e nostro figlio è oramai maggiorenne… e le canne se le fuma pure lui….. alla faccia del giudice di Catania e delle insane abitudini……. l’unica insana abitudine è quella di chi continua a propagandare contro la cannabis….. ma noi che ce frega?

  2. La Cannabis danneggia il gervelo in modo irreparabile mi dispiace ma non condivido il suo parere.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube