Business | Articoli

Recesso del dipendente, necessaria la convalida

16 Novembre 2015
Recesso del dipendente, necessaria la convalida

Un dipendente ha presentato dimissioni senza rispettare la procedura prevista dalla legge: in sostanza la dimissione è stata fatta in forma libera, ma chiara, senza alcuna convalida, ma senza neanche alcuna costrizione da parte dell’azienda che si è limitata ad accettarla. Posto che non si trattava di dimissioni in bianco, e che ora il dipendente beneficia della pensione, il mancato rispetto delle procedura può creare qualche problema all’azienda? Si può sanare questa situazione?

I lavoratori possono convalidare le dimissioni alla direzione territoriale del Lavoro (o negli ulteriori uffici o sedi competenti) oppure, in alternativa, sottoscrivendo una dichiarazione in calce alla ricevuta di trasmissione della comunicazione di cessazione del rapporto. La convalida, infatti, si configura come una vera e propria condizione sospensiva, alla cui realizzazione è subordinata l’efficacia del recesso del lavoratore.
In mancanza di convalida, il datore di lavoro può invitare i dipendenti, con una comunicazione scritta entro 30 giorni dalle dimissioni, a convalidare il loro recesso e, in caso di loro mancato adempimento all’invito entro sette giorni, il rapporto di lavoro è da considerare comunque risolto, con efficacia retroattiva al momento della comunicazione delle dimissioni. Tuttavia, in mancanza di convalida o di tale adempimento successivo, le dimissioni si considerano prive di effetto.
Fermo quanto sopra, nel caso specifico, in caso di contestazione circa la validità delle dimissioni non convalidate, il datore di lavoro potrà sostenere, con onere della prova integralmente a proprio carico, che si tratta di dimissioni per fatti concludenti, oppure che i lavoratori, a seguito delle dimissioni rassegnate, hanno cessato volontariamente di prestare la propria attività lavorativa, e che la loro assenza si prolunga da molti mesi ed è concretamente accompagnata da fatti idonei (ad esempio, la richiesta di accesso alla pensione) a dimostrare in maniera chiara e inequivocabile la loro definitiva volontà di recedere dal rapporto.


note

Autore immagine: 123rf com


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube