Diritto e Fisco | Articoli

Multe: attento alla data di valuta se paghi con home banking

27 Ottobre 2014
Multe: attento alla data di valuta se paghi con home banking

Interessi, sanzioni e perdita del beneficio dello sconto del 30% se il bonifico telematico non arriva all’amministrazione nei termini.

È possibile pagare le multe comodamente da casa, facendo un bonifico con il computer, tramite collegamento alla banca da internet (cosiddetto home banking). La modalità potrebbe essere tanto più comoda se si tiene conto che chi paga entro cinque giorni ottiene una riduzione del 30%.

Ma fate ben attenzione alla data della valuta:perché, se il pagamento non arriva all’amministrazione nei termini previsti dalla legge, al di là di quando è stato eseguito l’ordine alla propria banca, l’automobilista rischia di non essere ammesso al beneficio dello sconto del 30%. O magari, pagando con un giorno di ritardo rispetto al termine dei 60 giorni, potrebbe anche vedersi addebitate le sanzioni e gli interessi.

A chiarire questo dettaglio non da poco è la Corte dei Conti dell’Emilia Romagna, con una recente delibera [1].

Dunque, chi preferisce adottare il pagamento elettronico per la multa stradale deve fare attenzione alla data della valuta poiché le transazioni effettuate con strumenti elettronici prevedono un differenziale tra il giorno del pagamento e il giorno della valuta.

Le conseguenze derivanti da un ritardo nella data dell’effettivo pagamento di un verbale stradale sono particolarmente importanti. Per esempio:

– se il beneficiario riceve la somma dopo i 5 giorni, si perde il diritto allo sconto del 30%;

– se il beneficiario riceve la somma oltre i 60 giorni previsti dalla normativa per il pagamento delle multe scatta il raddoppio dell’importo.


note

[1] C. Conti Emilia-Romagna, delibera n. 195 del 16.10.2014.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube