Diritto e Fisco | Articoli

Pignoramento di Equitalia su un immobile ereditato

27 Ottobre 2014
Pignoramento di Equitalia su un immobile ereditato

Esecuzione forzata immobiliare esattoriale: acquisto tramite eredità del bene pignorato e accettazione tacita dell’eredità.

Espropriazione immobiliare esattoriale: se Equitalia intende pignorare un immobile ricevuto dal debitore in  eredità e per il quale quest’ultimo non abbia ancora trascritto l’accettazione dell’eredità, potrà essa stessa richiedere, a sua cura e spese, la trascrizione [1], prima di disporre la vendita forzata [2], ma a condizione che il chiamato all’eredità abbia compiuto uno degli atti che comportano accettazione tacita dell’eredità,

Qualora, invece, il chiamato all’eredità abbia compiuto uno degli atti che comportano accettazione tacita dell’eredità ma questo non sia trascrivibile, la vendita potrà essere disposta solo dopo che la qualità di erede del debitore esecutato sia accertata con sentenza.

A dirlo è stata una recente sentenza della Cassazione [3].

Secondo il codice civile [4], l’erede accetta tacitamente l’eredità quando compie un atto che presuppone necessariamente la sua volontà di accettare e che non avrebbe il diritto di fare se non fosse proprio per la sua qualità di erede.

Affinché ci sia accettazione tacita l’erede deve compiere l’atto (per esempio, la vendita del bene ereditato) volontariamente e con consapevolezza che tale atto incide sui beni dell’asse ereditario, ma non è necessario che il chiamato sia anche consapevole che in tal modo egli sta accettando implicitamente l’eredità.

Ecco alcuni esempi di accettazione tacita: dare procura a un terzo per la vendita di un bene ereditario, l’avvio di una causa giudiziale volta ad ottenere la divisione ereditaria, l’effettuazione della voltura catastale su un bene immobile appartenente all’asse ereditario, ecc.

Non costituiscono accettazione tacita, invece, i seguenti atti: la denuncia di successione e il versamento dell’imposta, la richiesta di registrazione del testamento e la sua trascrizione, il semplice possesso dei beni ereditari (il chiamato potrebbe avere interesse a compiere atti conservativi o di vigilanza), ecc.

Per la nostra legge, in due casi si presume l’accettazione tacita di eredità (cosiddetta presunzione di accettazione):

1. se il chiamato all’eredità dona, vende o anche solo cede (ad esempio con un contratto preliminare) i suoi diritti di successione a un terzo estraneo o a tutti gli altri chiamati o ad alcuno di questi ultimi.

2. se il chiamato all’eredità rinuncia ai diritti di successione dietro corrispettivo o a favore di alcuni (ma non di tutti) gli altri chiamati.


note

[1] Sulla base di quell’atto, qualora esso risulti da sentenza, da atto pubblico o da scrittura privata autenticata o accertata giudizialmente.

[2] Ai sensi dell’articolo 78 del Dpr 602/1973

[3] Cass. sent. n. 11638 del 26.05.2014.

[4] Art. 476 cod. civ.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube