Business | Articoli

Quale Srl costituire: unipersonale, pluripersonale, semplificata?

18 Novembre 2015
Quale Srl costituire: unipersonale, pluripersonale, semplificata?

Le varie forme di società a responsabilità limitata: vantaggi e svantaggi.

La s.r.l. può essere costituita da due o più persone o anche da un solo socio con atto unilaterale (è la cosiddetta S.r.l. unipersonale). In entrambi i casi, se sussistono determinati requisiti, può essere costituita, per avere delle agevolazioni fiscali, come s.r.l. semplificata.
Esistono, pertanto, 4 tipi di s.r.l.:

– Srl pluripersonale che può essere:

a) ordinaria

b) semplificata

– Srl unipersonale che può essere:

a) ordinaria

b) semplificata

 

Srl semplificata

Se i soci o il socio decidono di costituire una s.r.l. con capitale sociale compreso tra 1 euro e 9.999 euro possono conferire esclusivamente denaro che devono versare integralmente. In questo caso l’ammontare del capitale sociale sottoscritto coincide con quello versato.

Il versamento del denaro può avvenire sia contestualmente sia anche anteriormente alla costituzione della s.r.l. secondo le seguenti modalità:

a) denaro contante, esclusivamente per importi inferiori a 1.000 euro, nelle mani di uno o più dei futuri amministratori (art. 49 c. 1 D.Lgs. 231/2007);

b) bonifico bancario a favore di uno o più dei nominati amministratori (e non a favore della futura società che ancora formalmente non esiste);

c) assegno circolare a nome della futura società o di uno dei futuri amministratori, con la riserva di dovere distinguere in favore di chi il versamento è effettuato (se in favore della società o della singola persona);

d) deposito nelle mani del notaio incaricato di stipulare l’atto costitutivo, dandogli mandato di consegnare le somme depositate agli amministratori una volta accettato l’incarico;

e) versamento in banca mediante costituzione di un deposito vincolato intestato alla futura società destinato ad essere movimentato da coloro che saranno gli amministratori della stessa una volta iscritta nel registro delle imprese.

Non è ammesso l’assegno bancario perché non dà certezza della copertura delle somme dovute e non è quindi idoneo a garantire l’effettività dei conferimenti.

 

Quale s.r.l. costituire

Per decidere quale s.r.l. costituire, i futuri soci devono valutare principalmente 2 elementi:
– il numero e le caratteristiche dei soci da cui sarà composta la futura s.r.l.;
– quanto e cosa hanno intenzione di versare, cioè l’ammontare del capitale sociale.

Vediamo singolarmente questi due aspetti per comprendere a quale dei due schemi convenga maggiormente affacciarsi.

Numero e caratteristiche dei soci

Una s.r.l. può essere costituita da una o più persone fisiche o società o enti che siano dotate della capacità di agire.
Se il socio è uno può costituire una s.r.l. unipersonale. Se i soci sono 2 o più possono costituire una s.r.l. pluripersonale: in entrambi i casi, se sono solo persone fisiche, possono costituirla anche in forma semplificata, caratteristica che consente di iniziare l’avventura sociale anche con 1 solo euro di capitale o, comunque, con un capitale inferiore al minimo di 10mila euro previsto invece per le Srl ordinarie.

Ammontare del capitale sociale

I futuri soci devono stabilire il contributo che intendono versare per costituire la s.r.l., devono, cioè, decidere l’ammontare complessivo dei conferimenti che formano il capitale sociale affinché la società abbia i mezzi necessari per poter svolgere la sua attività economica, ricevendone in cambio una quota di partecipazione.
I tipi di conferimenti e la loro esecuzione sono differenti a seconda che i soci decidano di costituire una s.r.l. con capitale sociale inferiore o superiore a 10.000 euro.
È possibile costituire una s.r.l. conferendo anche solo 1 euro, nella prassi molte s.r.l. di nuova costituzione hanno un capitale sociale inferiore a 10.000 euro.

Sebbene si possa sempre aumentare il capitale sociale inizialmente sottoscritto, portandolo per esempio da 1 euro a 10mila euro o più, è bene valutare l’utilità di tale operazione: ogni società, infatti, per operare necessita di un iniziale capitale sociale e, dunque, anche a non voler finanziare la società, costituendo una S.r.l. ad 1 euro, sarà necessario che i soci mettano mano al proprio portafoglio.

Vantaggi e svantaggi della Srl semplificata
Nella scelta della Srl da costituire, se cioè con capitale inferiore a 10mila euro (Srl semplificata) o superiore (Srl ordinaria), i futuri soci devono però tenere in considerazione i seguenti aspetti:

 

Fino a 9.999 euro

Si può costituire una Srl uni o pluripersonale

I conferimenti possono essere fatti solo in denaro

I conferimenti devono essere versati integralmente

Da 10.000 euro in su

Si può costituire una Srl uni o pluripersonale

I conferimenti possono essere diversi dal denaro

I conferimenti possono essere versati al 25% solo se la Srl è pluripersonale ordinaria

La costituzione di una s.r.l. con capitale inferiore a 10.000 euro comporta:

– il vantaggio di investire un capitale sociale ridotto (considerando che può essere anche di 1 euro) ed il conseguente rischio per responsabilità dei soci limitato al basso capitale investito;

– lo svantaggio di avere una bassa credibilità economica e la conseguente difficoltà di ottenere un credito dalle banche.

Se la s.r.l. con capitale inferiore a 10.000 euro viene costituita in forma semplificata comporta, oltre a quanto detto sopra:

– il vantaggio di non avere costi iniziali (il notaio non costa nulla) né vi sono costi di bollo e di segreteria. I costi di gestione sono poi, però, gli stessi di una s.r.l. ordinaria (non è prevista alcuna successiva agevolazione fiscale);

– lo svantaggio di doversi attenere ad un modello costitutivo standard in cui non è possibile inserire clausole o modificare le maggioranze stabilite dalla legge, né poter personalizzare le regole di funzionamento in base alle esigenze dei soci.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube