Diritto e Fisco | Articoli

Ape non obbligatorio per acquisto case da asta in tribunale

29 Ottobre 2014
Ape non obbligatorio per acquisto case da asta in tribunale

Attestato di prestazione energetica: la vendita giudiziaria a seguito di esecuzione forzata esclude dall’obbligo.

Nelle procedure di vendita forzata fatte tramite il tribunale non è necessario allegare l’attestato di prestazione energetica. Infatti tutta la normativa sulla certificazione energetica [1] (in attuazione della normativa europea) ha lo scopo di offrire una maggiore efficienza degli edifici sul territorio degli Stati membri, ma solo per quanto riguarda l’attività contrattuale (per es. vendite, ecc.) su beni immobili. Restano dunque esclusi i procedimenti di tipo giudiziario.

Il chiarimento proviene dal Consiglio del Notariato che lo ha espresso in uno studio fresco di pubblicazione [1].

Secondo dunque i notai,la vendita attuata a mezzo di provvedimento del giudice nell’ambito di un procedimento di esecuzione forzata, come disciplinata dal legislatore italiano, gode di una disciplina del tutto speciale, che fa eccezione a quella dettata per la vendita contrattuale alla quale solo guarda la normativa sull’APE.

Pertanto, la disciplina che obbliga l’allegazione dell’Ape agli atti di trasferimento a titolo oneroso, diretta a regolare una vendita negoziale e a sanzionare le parti di una compravendita consensuale, non può applicarsi alla vendita forzata, dovendosi tenere conto della delicata e particolare materia processuale/giudiziale che coinvolge interessi pubblici, il cui bilanciamento è riservato in esclusiva al legislatore nazionale.

Allo stato attuale – conclude il Consiglio Notariato – non vi sono elementi idonei a far ritenere la volontà del legislatore italiano di includere nella disciplina prevista per l’APE anche le vendite forzate attuate a mezzo di decreto di trasferimento del tribunale dopo un’asta giudiziale.

Ricordiamo che la legge del 2005 [1] ha incluso nell’obbligo di allegazione dell’attestato di prestazione energetica tutti agli “atti di trasferimento a titolo oneroso” (quelli cioè a fronte dei quali è dovuto un corrispettivo; tale non è per esempio la donazione), purché originino da un contratto.


note

[1] Di cui al d.lgs. n. 192/2005.

[2] Consiglio Nazionale Notariato studio n. 263-2014/c.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube