Firmato l’accordo sul controllo dei conti correnti nell’Ocse

30 Ottobre 2014
Firmato l’accordo sul controllo dei conti correnti nell’Ocse

Lotta all’evasione: firmato l’accordo tra i Paesi Ocse per l’adozione di un nuovo standard globale unico che comporterà lo scambio automatico multilaterale dei dati sui contribuenti.

 

Si chiama CRS, acronimo che sta per Common Reporting Standard ed è l’ultimo accordo internazionale in tema di lotta all’evasione fiscale, firmato ieri a Berlino, dai Paesi aderenti all’Ocse. Comporterà, in particolare, lo scambio automatico multilaterale, da parte degli Stati aderenti, dei dati sui contribuenti (anche quelli con conti nei cosiddetti paradisi fiscali), in modo da “incastrare” definitivamente chi tenta di fuggire al fisco.

Il comunicato ufficiale diramato, all’esito della firma, dai 51 Paesi aderenti, non lascia margini di equivoci: “Gli evasori avranno due scelte: o farsi avanti o venire presi.

In buona sostanza, si tratta di una mappatura generalizzata di tutti i conti correnti dei cittadini dei Paesi firmatari (sia di quelli nuovi che di quelli preesistenti alla data di entrata in vigore dell’accordo), in modo da controllare i capitali investiti all’estero da persone fisiche e da società. Le autorità fiscali degli Stati collaboreranno per fornirsi reciproche informazioni anche grazie all’aiuto di banche e altri intermediari finanziari.

Sebbene l’accordo entrerà ufficialmente in vigore dal 2018, esso avrà portata retroattiva: si inizierà, pertanto, dalla verifica delle movimentazioni di capitali a partire dal 2015.

L’adeguata verifica dei “conti preesistenti” (aperti entro il 31 dicembre 2015) dovrà invece essere completata da parte degli intermediari finanziari entro il 31 dicembre 2016 per le persone fisiche per le quali il saldo dei conti eccede il milione di dollari e 31 dicembre 2017 per le restanti persone fisiche e persone giuridiche.

In Italia le disposizioni sugli adempimenti Crs sono già contenute nello schema di legge di ratifica dell’Accordo sottoscritto tra Italia e Stati Uniti per l’implementazione di Fatca, ora all’esame della commissione Finanze della Camera.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube