Diritto e Fisco | Articoli

Pneumatici: la nuova etichetta informativa. Come scegliere da oggi

30 Ottobre 2014
Pneumatici: la nuova etichetta informativa. Come scegliere da oggi

Basso consumo, tenuta sul bagnato e rumorosità: i tre parametri a cui viene assegnato il voto da A a G.

 

Arriva l’inverno e gli automobilisti dovranno fare i conti con i soliti problemi degli pneumatici da cambiare. Un cambio di gomme da invernali ad estive e viceversa, infatti, oltre a rendere la guida più sicura, è anche indicato per diminuire i consumi di carburante. Ma come scegliere?

La nuova etichetta

Da adesso sarà apposta, su ogni gomma messa in commercio, una nuova etichetta informativa che servirà al consumatore a meglio scegliere il prodotto che fa più al caso suo. Si tratta di uno strumento indispensabile, facile da comprendere anche per i non tecnici dell’auto, capace di orientare l’acquisto tra le varie categorie di pneumatici per chi non vuole rinunciare alla sicurezza, senza, nello stesso tempo, avere consumi eccessivi.

In cosa consiste l’etichetta

Su ogni gomma, dicevamo, sarà apposta l’etichetta ed in essa sarà evidenziata la classe di riferimento della gomma stessa. In pratica, saranno indicati tre parametri e, per ognuno di questi, sarà assegnato un voto alla gomma. I tre parametri saranno:

basso consumo di carburante,

tenuta sul bagnato,

rumorosità del pneumatico.

Ad ognuno di tali parametri corrisponderà un voto: in una scala che va da “A” (il migliore) a “G” (il peggiore).

I distributori dovranno rendere disponibile il materiale informativo e ben accessibile nei punti vendita.

Un’iniziativa di cui non beneficeranno solo i consumatori, ma anche l’ambiente dato che la tipologia di classificazione aiuta a risparmiare energia in un settore dominato dai combustibili fossili e dall’alto valore di emissioni di CO2.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube