Cronaca | News

Addio alle chiamate moleste dal 27 luglio: come difendersi

18 Luglio 2022 | Autore:
Addio alle chiamate moleste dal 27 luglio: come difendersi

Dal 27 luglio ogni utente telefonico avrà la possibilità di iscrivere il proprio numero al Registro pubblico delle opposizioni per non essere più disturbato.

Sta succedendo davvero: mancano pochissimi giorni e forse il telefono smetterà di squillare nei momenti meno opportuni per vendite che quasi mai ci interessano. Da fine mese, non saremo più obbligati a inventarci qualche scusa per mettere giù la cornetta o per declinare gentilmente l’offerta.

Dal 27 luglio sarà possibile registrare il nostro numero di telefono sul Rpo (Registro pubblico delle opposizioni), un prezioso alleato contro le telefonate moleste.

Questo nuovo strumento, che in tanti attendono ormai da mesi, prevede la possibilità, per chiunque sia interessato, di inserire il proprio recapito telefonico in uno specifico elenco, con lo scopo di non essere più contattato telefonicamente per proposte di telemarketing.

La tutela del Rpo è estesa, oltre che ai numeri di telefono, anche agli indirizzi postali associati, presenti negli elenchi pubblici. Tramite il registro, dunque, è possibile bloccare il trattamento dei propri dati personali da parte degli operatori che utilizzano questi elenchi per attività di marketing, sia tramite il telefono che con posta cartacea.

Ma come funziona nello specifico? L’utente ha la possibilità di iscriversi (o disiscriversi) al Rpo utilizzando quattro differenti modalità:

  • tramite compilazione di un modulo elettronico di “Iscrizione al Registro Pubblico delle Opposizioni” sull’apposito sito;
  • tramite il numero verde RPO 800 265 265;
  • tramite mail, inviando l’apposito “Modulo EMAIL per Iscrizione, Revoca e Aggiornamento dati” e il suo invio all’indirizzo di posta elettronica [email protected];
  • tramite raccomandata.

Chiunque abbia un numero di telefono presente negli elenchi telefonici pubblici avrà la possibilità di usufruire del servizio, rientrando tra gli «abbonati telefonici».

Dal canto loro, gli operatori ufficiali che intendano svolgere attività di marketing mediante telefonate, utilizzando numeri di telefono ed eventuali indirizzi di posta certificata associati, hanno l’obbligo di registrarsi al Rpo e di comunicare la lista dei numeri che intende contattare.

Nel caso in cui un operatore di telemarketing non rispettasse la normativa vigente, contattando anche gli utenti che si sono registrati al Rpo, è prevista [1] l’applicazione di sanzioni amministrative pecuniarie fino a 20 milioni di Euro per le imprese e fino al 4% del fatturato mondiale totale annuo dell’esercizio precedente.

È proprio grazie al famoso Gdpr che l’Italia sta mettendo a punto importanti strumenti per tutelare sempre più la privacy degli utenti, così come la normativa europea incentiva a fare.


note

[1] Reg. Ue n.679/2016 art. 83 par. 5


Sostieni laleggepertutti.it

"La Legge per Tutti" è una testata giornalistica indipendente che da oltre 10 anni informa gratuitamente milioni di persone ogni mese senza il supporto di finanziamenti pubblici. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube