Diritto e Fisco | Articoli

Visita fiscale: si può sanzionare chi è sotto la doccia?

19 Luglio 2022 | Autore:
Visita fiscale: si può sanzionare chi è sotto la doccia?

Compiere un atto della vita quotidiana può, in un determinato momento, impedire al malato di aprire la porta al medico. Cosa si rischia?

Una cosa alla quale i nostri anziani non rinunciavano era quella di andare dal dottore lavati e con i vestiti a posto. Lo stesso valeva quando il dottore veniva a casa: se il malato era allettato, le lenzuola dovevano essere lavate e in ordine, così come il paziente. Era una questione di buona educazione. Chiaro che per essere presentabili, prima bisogna lavarsi, il che presuppone farsi il bagno nella vasca o farsi una doccia. Se proprio in quel momento, mentre si è con il getto dell’acqua addosso e la spugna insaponata in mano, arriva il medico che deve fare la visita fiscale, vorrà dire che il dottore aspetterà che il paziente esca dal bagno, tanto da lì non scappa. Ma che succede se il medico ha così tanta fretta da dire che il lavoratore malato non era presente? Al momento della visita fiscale, si può sanzionare chi è sotto la doccia?

A quanto pare, visto il caso che è stato sottoposto recentemente alla Cassazione, c’è chi preferisce visitare un malato puzzolente piuttosto che attendere qualche minuto e, magari, farsi offrire un caffè. Che poi non è solo una questione di olezzi: la doccia, oltre che necessaria, è anche terapeutica e favorisce la guarigione in certi casi. Ma vediamo che cosa ha costretto la Suprema Corte ad esaminare un caso del genere.

Visita fiscale: quali obblighi per il dipendente?

Il lavoratore in malattia deve avvertire il prima possibile il datore sulle sue condizioni di salute e comunicare a quale indirizzo sarà reperibile per la visita fiscale. Il dipendente sarà tenuto a farsi trovare per l’eventuale controllo nei seguenti orari:

  • dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19 se dipendente del settore privato;
  • dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18 se dipendente pubblico.

Si tenga conto del fatto che la visita fiscale può essere eseguita anche di domenica o in giorno festivo e anche più volte al giorno.

Le eventuali assenze devono essere giustificate dal medico certificatore, che può esonerare dalla reperibilità il dipendente malato (del settore privato) a causa di:

  • malattia grave che richiede terapie salvavita;
  • patologie connesse all’invalidità riconosciuta, in misura superiore al 67%.

È bene sapere, comunque, che può essere disposta una visita di controllo previo appuntamento.

Inoltre, e sempre per il dipendente delle aziende private, l’assenza può essere giustificata da:

  • necessità di sottoporsi a visite mediche generiche urgenti e ad accertamenti specialistici che non possono essere effettuati in orari diversi da quelli compresi nelle fasce orarie di reperibilità;
  • provati gravi motivi personali o familiari;
  • cause di forza maggiore.

Nel settore pubblico, invece, i casi di esonero sono:

  • patologie gravi che richiedono terapie salvavita;
  • malattia per la quale sia stata riconosciuta la causa di servizio (solo per alcune categorie di dipendenti pubblici);
  • stati patologici sottesi o connessi alla situazione di invalidità riconosciuta, pari o superiore al 67%.

Per approfondire gli obblighi del dipendente leggi: Malattia e visita fiscale: guida Inps.

Visita fiscale: si possono compiere atti di vita quotidiani?

Il dipendente in malattia, dunque, deve farsi trovare disponibile per la visita fiscale. Non tanto per fare un favore al medico che la esegue quanto per il fatto che se il lavoratore è in malattia e non deve fare qualche visita legata alla sua patologia, deve per forza trovarsi a casa sua. Il che significa che se il dottore arriva e suona al campanello, il malato (o chi per lui) è tenuto ad aprirgli e a farlo accomodare. Il problema, però, è se il paziente abita da solo e in quel momento non può aprire la porta perché si trova sotto la doccia e non sente il campanello. Il medico può segnalare l’assenza e il dipendente può essere sanzionato?

Secondo la Cassazione [1], a tutto c’è un limite. Una recente ordinanza ha stabilito che è vero: esiste un dovere di collaborazione verso chi effettua la visita fiscale ma tale obbligo non può vietare al malato di compiere qualsiasi atto della vita quotidiana dentro casa sua. Come, appunto, andare in bagno a farsi la doccia o a soddisfare qualche bisogno fisiologico. Si pensi a chi è in malattia per qualche serio problema intestinale, ad esempio.

Nessun provvedimento disciplinare, dunque, per il lavoratore che non apre la porta al medico perché al momento della visita fiscale si trovava sotto la doccia. La Cassazione ha confermato, infatti, le sentenze del tribunale e della Corte d’appello con cui era stata annullata una sanzione irrogata da un’azienda secondo la quale non era stato rispettato l’obbligo di reperibilità. Per la Suprema Corte, un normale comportamento all’interno delle mura di casa non equivale a non voler fare la visita fiscale.


note

[1] Cass. ordinanza del 18.07.2022.

Cass. civ., sez. VI – L, ord., 18 luglio 2022, n. 22484

Presidente Esposito – Relatore Di Paolantonio

Rilevato che:

  1. la Corte d’Appello di Milano ha respinto l’appello proposto dalla s.p.a. (…) avverso la sentenza del Tribunale della stessa sede che aveva accolto il ricorso di S.M. e, annullata la sanzione disciplinare del richiamo scritto irrogata il 16 gennaio 2018, aveva condannato la società a corrispondere al ricorrente l’indennità di sala operatoria dell’importo mensile di Euro 413,17, sospesa in quanto il regolamento contrattuale ne condizionava l’erogazione all’assenza di provvedimenti disciplinari;
  1. la Corte territoriale ha premesso, in fatto, che il S. , assente per malattia dall'(…) al (omissis) , al momento della visita di controllo non aveva sentito suonare il campanello di casa perché “sotto la doccia” e ciò aveva impedito l’accesso del medico fiscale nell’abitazione;
  1. l’appellato, peraltro, si era immediatamente attivato, manifestando piena disponibilità a consentire l’accertamento ed aveva anche inviato tempestiva comunicazione dell’accaduto agli organi preposti;
  1. il giudice d’appello ha condiviso le conclusioni alle quali era pervenuto il Tribunale ed ha ritenuto che, in relazione alle circostanze del caso concreto, doveva essere esclusa la rilevanza disciplinare della condotta, non risultando violati gli obblighi esigenza e di esecuzione del contratto secondo buona fede, imposti dagli artt. 2104 e 2106 c.c.;
  1. per la cassazione della sentenza l'(…) ha proposto ricorso sulla base di un unico motivo, al quale non ha opposto difese S.M. , rimasto intimato;
  1. la proposta del relatore, ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., è stata notificata alle parti, unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza in Camera di consiglio non partecipata;
  1. nessun deposito rituale di memoria risulta effettuato nel termine imposto dall’art. 380 bis c.p.c..

Considerato che:

  1. occorre preliminarmente rilevare che non può trovare accoglimento l’istanza di discussione orale depositata dal difensore di S.M. , perché il legislatore, nel riformulare con il D.L. 31 agosto 2016, n. 168, l’art. 380 bis c.p.c., ha previsto la sola facoltà delle parti costituite di presentare memoria ed ha eliminato l’inciso ” di chiedere di essere sentiti se compaiono”;
  1. il ricorso denuncia ex art. 360 c.p.c., n. 3, violazione e falsa applicazione degli artt. 2104 e 2106 c.c., e del CCNL per il personale dipendente da strutture sanitarie, art. 41, comma 6, lett. n), associate all’AIOP, all’ARIS e alla Fondazione Don Carlo Gnocchi e sostiene, in sintesi, che ha errato la Corte territoriale a valorizzare, per escludere la rilevanza disciplinare della condotta, il comportamento successivamente tenuto dal lavoratore;

1.1. l’Istituto ricorrente richiama giurisprudenza di questa Corte e sostiene che il mancato rispetto della reperibilità costituisce inadempimento contrattuale sanzionabile in sé, ossia a prescindere dalla presenza o meno dello stato di malattia, perché il lavoratore ha nei confronti del datore un dovere di cooperazione e pertanto, anche nel domicilio, è tenuto ad astenersi da condotte che impediscano l’accesso al medico della struttura pubblica;

1.2. aggiunge che il contratto collettivo prevede espressamente la rilevanza disciplinare dell’assenza alla visita domiciliare di controllo ed insiste nel sostenere che la decisione di “fare la doccia durante la fascia di reperibilità (fatto peraltro non indifferibile)” integra inadempimento contrattuale;

  1. il ricorso è infondato;

da tempo questa Corte ha osservato che la procedura di cui alla L. n. 638 del 1983, art. 5, attiene al rapporto assicurativo e, rientrando nel potere esclusivo dell’INPS, travalica l’ambito interno del rapporto di lavoro e non costituisce esercizio del potere disciplinare del datore di lavoro al quale, peraltro, la contrattazione collettiva, in aggiunta, può riconoscere la facoltà di infliggere sanzioni disciplinari;

2.1. la decadenza dal trattamento economico può essere annoverata tra le sanzioni a carattere amministrativo, che trovano fondamento nel potere-dovere degli enti erogatori di prestazioni previdenziali di accertare nell’ambito della loro gestione amministrativa l’esistenza del rischio posto a base delle prestazioni stesse;

2.2. a detta sanzione può aggiungersi un’ulteriore misura di carattere punitivo, espressione del potere disciplinare del datore di lavoro, ove la condotta del dipendente integri anche violazione di obblighi derivanti dal contratto di lavoro (cfr. fra le tante Cass. n. 9709 del 2000 e Cass. n. 24681 del 2016);

2.3. corollario del principio è che non tutte le condotte che rilevano nei rapporti con l’istituto previdenziale e che possono determinare decadenza dal beneficio comportano anche una responsabilità disciplinare, perché per quest’ultima è necessario accertare il rispetto delle condizioni richieste sul piano sostanziale dall’art. 2106 c.c., e sul piano formale dalla L. n. 300 del 1970, art. 7;

  1. ciò detto va osservato che il CCNL invocato dalla società ricorrente inserisce fra le condotte di rilievo disciplinare l’assenza alla visita domiciliare di controllo, che non è concettualmente coincidente con il tenere una condotta, all’interno delle pareti domestiche, che si riveli di ostacolo all’accesso del medico competente;

3.1. quest’ultima può essere equiparata al mancato rispetto delle fasce di reperibilità nei rapporti con l’istituto previdenziale (ed infatti le pronunce richiamate dalla ricorrente – Cass. n. 5420 del 2006 e Cass. n. 4216 del 1997 sono state rese in fattispecie nelle quali veniva in rilievo la decadenza dal trattamento di malattia) non già ai fini disciplinari, per i quali, oltre a venire in rilievo il principio di legalità e quello di proporzionalità, occorre accertare che in concreto la condotta, valutata in tutti i suoi profili oggettivi e soggettivi, integri una violazione degli obblighi che dal rapporto scaturiscono;

  1. dai richiamati principi non si è discostato il giudice del merito che, dopo aver accertato (con giudizio di fatto non sindacabile in questa sede) che il lavoratore era presente all’interno delle pareti domestiche, per escludere che la condotta dallo stesso tenuta fosse stata contraria agli obblighi di diligenza, correttezza e buona fede, ha correttamente valutato tutte le circostanze del caso concreto, ivi compresa l’immediata attivazione del S. , una volta avuta contezza di quanto accaduto;

4.1. l’obbligo di cooperazione che grava sul lavoratore in malattia, pur rilevando anche sul piano contrattuale del rapporto di lavoro, non può essere esteso fino a ricomprendere il divieto per il lavoratore medesimo di astenersi dal compiere qualsiasi atto del vivere quotidiano, normalmente compiuto all’interno delle pareti domestiche;

  1. il ricorso, pertanto, deve essere rigettato;
  1. non occorre provvedere sulle spese del giudizio di legittimità perché S.M. non ha notificato tempestivo controricorso e non ha svolto attività difensiva;

7.ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 trimestre, come modificato dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, si deve dare atto, ai fini e per gli effetti precisati da Cass. S.U. n. 4315 del 2020, della ricorrenza delle condizioni processuali previste dalla legge per il raddoppio del contributo unificato, se dovuto dal ricorrente.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quarter, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto, per il ricorso, a norma del cit. art. 13, comma 1-bis, se dovuto.


Sostieni laleggepertutti.it

"La Legge per Tutti" è una testata giornalistica indipendente che da oltre 10 anni informa gratuitamente milioni di persone ogni mese senza il supporto di finanziamenti pubblici. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube