HOME Articoli

Lo sai che? Assicurazione scaduta: se fai un incidente e vai subito a pagare il premio

Lo sai che? Pubblicato il 2 novembre 2014

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 2 novembre 2014

Sinistri stradali: scaduto il termine di tolleranza di 15 giorni, la copertura torna solo dalla mezzanotte.

Se hai avuto un incidente stradale e proprio in quel momento ti “ricordi” di avere l’assicurazione scaduta da oltre 15 giorni, è inutile che, per evitare problemi, ti affretti in quello stesso istante a rinnovarla, pagando il relativo premio. Ciò ti servirà a poco. Infatti, secondo una sentenza della Cassazione di venerdì scorso [1], in tali casi non si può fruire della copertura assicurativa.

Una volta decorso il termine di tolleranza di quindici giorni dalla scadenza della polizza, infatti, la sospensione dell’assicurazione cessa soltanto a partire dalle ore 24 in poi dello stesso giorno del versamento. Facciamo un esempio. Se l’automobilista paga alle ore 12:00 del giorno 1.03.2014, l’assicurazione inizierà a decorrere dalle ore 00:00 del 2.03.2014. Facile, altrimenti, sarebbe ottenere, con efficacia retroattiva, la copertura per qualsiasi sinistro avuto poco tempo prima.

Dunque, il versamento del premio ormai scaduto non comporta affatto l’immediata riattivazione del rapporto assicurativo.

Riattivazione successiva

Bisogna distinguere – ricorda la Corte suprema – le ipotesi di mancato pagamento, da una parte, della prima rata o del premio in un’unica soluzione e, dall’altra, della seconda o delle successive rate.

1. Mancato pagamento della prima rata o del premio unico.

In tal caso, la sospensione della copertura assicurativa che si produce tra assicurato e assicuratore [2] non è opponibile al terzo danneggiato e la copertura assicurativa rimane operante per tutto il periodo di tempo indicato nel certificato o contrassegno. Dunque, se l’assicurazione ha comunque emesso il contrassegno, il danneggiato deve essere pagato.

2. Mancato pagamento della seconda o delle successive rate del premio

In questo caso, lo stop alla copertura risulta opponibile al terzo danneggiato [3] che sarà allora costretto a chiedere l’intervento del Fondo garanzia vittime della strada.

note

[1] Cass. sent. n. 23167/14 del 31.10.2014.

[2] Ai sensi del primo comma dell’art. 1901 cod. civ.

[3] Come espressamente previsto dall’art. 7 della legge 990/69.

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI