Diritto e Fisco | Articoli

Telecamere negli asili per controllare le maestre. Arriva anche l’app

1 Novembre 2014
Telecamere negli asili per controllare le maestre. Arriva anche l’app

Privacy limitata agli insegnanti che hanno contatti coi bambini nelle scuole.

 

Cresce la psicosi da maltrattamenti all’asilo e alle scuole. I recenti scandali di maestre e insegnanti scoperte ad abusare dei cosiddetti “mezzi di correzione”, a imporre agli alunni assurde tracce di temi, o scoperte a chiedere “massaggi personali” sta spingendo l’opinione pubblica a trovare soluzioni forti al problema.

Chi è la maestra che sta con mio figlio? Che cosa gli dice? Cosa gli insegna? Cosa gli fa? Sono domande a cui chi non è tra le quattro mura della scuola non potrà mai rispondere. E che, tuttavia, oggi più che mai impongono una riflessione: con quali criteri vengono scelti gli insegnanti? Non parliamo solo del banale superamento di un esame di preparazione tecnico-professionale, ma anche pedagogica e psicologica. Chi controlla le “teste” delle maestre, le loro psicosi; chi presidia le classi e verifica, quotidianamente, che le attività si svolgano correttamente? A che serve il preside?

Nell’era del controllo digitale già alcuni parlano di telecamere a circuito chiuso, puntate sui banchi di scuola e degli asili. Filmati conservati negli archivi dell’istituto e disponibili per qualsiasi genitore che ne faccia richiesta. Violata la privacy? “Chi se ne frega”, rispondono. L’importante è la sicurezza e salute di mio figlio.

Ma non solo. La società Virtech Srl ha messo in commercio “BabySchool”, un’app disponibile per dispositivi Android e Apple che, tramite la webcam dello smartphone, consente ai genitori di controllare, in tempo reale, il proprio figlio quando è a scuola, in modo da verificare che tutto si svolga nella piena legalità.

Il funzionamento è semplice: l’educatore compila su tablet o PC la scheda giornaliera di ogni alunno, in pochissimo tempo, archiviando, ad esempio, informazioni sulle attività svolte, sui sonnellini e sui pasti. In questo modo, mamma e papà possono seguire, con il proprio smartphone, la sua giornata anche da casa o dal lavoro.

Oggi la legge ha previsto, prima dell’assunzione di personale che ha contatti coi minori, l’esibizione di un certificato penale del casellario (leggi “Assunzioni: ora obbligatorio il certificato penale”). Che però ci dice qualcosa del passato. Ma ovviamente non garantisce per il futuro…


note

Autore foto: Leggo. it


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube