Cronaca | News

Svolta clamorosa sulla crisi del grano

22 Luglio 2022 | Autore:
Svolta clamorosa sulla crisi del grano

Grazie alla mediazione di Onu e Turchia è stato raggiunto un accordo tra Ucraina e Russia sul grano, che verrà finalmente sbloccato.

Sembra incredibile, eppure l’accordo sul grano finalmente c’è. Dopo mesi duri e settimane di trattative, per la prima volta, Russia e Ucraina sono riuscite a trovare un compromesso che permetta al popolo di sopravvivere. Tanti i Paesi coinvolti, che beneficeranno di questa decisione, che impotenti attendevano questa svolta epocale.

È stato firmato all’interno del Palazzo Dolmabahce di Istanbul l’accordo tra Russia e Ucraina, con la mediazione di Onu e Turchia, che permette le esportazioni del grano attraverso corridoi sicuri nel Mar Nero e che scongiura una crisi alimentare mondiale. Nel corso della cerimonia, il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha precisato che nell’intesa sono coinvolti i porti ucraini sul Mar Nero di Odessa, Chernomorsk e Yuzhny. Guterres ha confermato che l’accordo prevede la creazione a Istanbul di un centro di coordinamento per l’attuazione dell’iniziativa sul Mar Nero, sottolineando che l’obiettivo di questa task foce è eliminare gli ostacoli alle esportazioni di cereali.

Il ministro delle Infrastrutture e dello Sviluppo dell’Ucraina, Oleksandr Kubrakov, e il ministro russo della Difesa Sergei Shoigu si sono stretti la mano a Istanbul dopo la firma disgiunta dell’accordo che permetterà di sbloccare milioni di tonnellate di grano bloccate nei porti ucraini. I due ministri ucraino e russo hanno firmato lo stesso accordo insieme al ministro della Difesa turco Hulusi Akar e al Segretario generale dell’Onu Antonio Guterres.

«Un faro di speranza nel Mar Nero risplende e dobbiamo fare in modo che ci guidi verso il raggiungimento della pace». Lo ha dichiarato Guterres, commentando la firma dell’accordo tra Russia e Ucraina.

L’intesa «pone fine a un incubo per i Paesi in via di sviluppo», ha aggiunto Guterres, sottolineando che il percorso che ha portato all’intesa è stato arduo, i negoziati estenuanti e gli sforzi profusi enormi. Secondo il segretario generale, «sono stati messi da parte gli interessi di parte ed è prevalso interesse dell’umanità dal momento che favorisce chi soffre la fame e la sete e stabilizza i prezzi».

«Questa iniziativa deve essere pienamente attuata, perché il mondo ne ha un disperato bisogno per affrontare la crisi alimentare globale – ha proseguito Guterres, esortando tutte le parti a  – non risparmiare sforzi per attuare i propri impegni. Si tratta di un accordo senza precedenti tra due parti coinvolte in un sanguinoso conflitto – ha concluso – Ma questo conflitto continua e le persone muoiono ogni giorno».

Se l’accordo trovato per consentire l’esportazione di cereali dall’Ucraina «verrà attuato, sarà un passo importante per alleviare una delle conseguenze più negative che Vladimir Putin e la sua guerra hanno scatenato con l’aggressione illegale all’Ucraina» ha detto il portavoce della Commissione Europea per gli Affari Esteri Peter Stano, a Bruxelles.



Sostieni laleggepertutti.it

"La Legge per Tutti" è una testata giornalistica indipendente che da oltre 10 anni informa gratuitamente milioni di persone ogni mese senza il supporto di finanziamenti pubblici. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube