Diritto e Fisco | Articoli

Licenziamento per il dipendente che fa sesso durante l’orario di lavoro

3 novembre 2014


Licenziamento per il dipendente che fa sesso durante l’orario di lavoro

> Diritto e Fisco Pubblicato il 3 novembre 2014



Giusta causa di licenziamento per chi abbandona il posto per recarsi al bagno, ma lì consuma un rapporto sessuale.

Andare al bagno durante il lavoro è certamente lecito. Ma i “bisogni” consentiti non sono certo le pulsioni sessuali con la collega della scrivania accanto. Così, secondo una sentenza della Cassazione pubblicata oggi [1], è legittimo il licenziamento per motivi disciplinari intimato al dipendente sorpreso a fare sesso durante l’orario lavorativo.

La fuga, anche se “sveltina”, può costare cara

Non è tanto il tempo dedicato al rapporto sessuale che incrina la fiducia del datore di lavoro, quanto piuttosto l’aver utilizzato il tempo destinato al lavoro per “prestazioni” che nulla attengono al contratto con l’azienda.

Insomma – per usare le stesse parole della Suprema Corte – l’abbandono del servizio per una “causale” voluttuaria e contraria ai doveri d’ufficio rende legittima la sanzione espulsiva nella più grave delle forme: quella senza preavviso.

C’è infatti giusta causa di recesso per via della proporzionalità fra fatto addebitato e licenziamento.

Una sveltina non provoca danni all’azienda? Non è affatto vero. Il giudizio dei Supremi Giudici è senza appello, soprattutto alla luce delle mansioni del dipendente che, nel caso di specie, era un addetto alla sorveglianza, con dovere di prestare attenzione sotto il profilo della tutela della sicurezza degli utenti e dei luoghi di lavoro. La potenzialità lesiva della sua omissione è dunque da considerare ancor più grave.

note

[1] Cass. sent. n. 23378/14 del 3.11.2014.

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI