Diritto e Fisco | Articoli

Quanto sono diminuiti gli avvocati nell’ultimo anno e i loro redditi?

4 Novembre 2014


Quanto sono diminuiti gli avvocati nell’ultimo anno e i loro redditi?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 4 Novembre 2014



Numeri di iscritti, praticanti, guadagni e dislocazione nelle varie regioni: ecco i dati statistici aggiornati a fine 2013.

L’ufficio attuario interno di Cassa Forense ha presentato alcuni dati statistici dell’Avvocatura italiana al 2013. Lo studio evidenzia alcuni elementi sorprendenti e altri un po’ meno.

Innanzitutto è certo che i professionisti sono in diminuzione. Dopo l’aumento degli ultimi anni degli avvocati italiani, ora si assiste a una diminuzione del numero di iscritti a giurisprudenza, con conseguente diminuzione del numero dei praticanti. La Cassa, infatti, scrive che “l’incontrollato e abnorme aumento del numero degli iscritti agli albi forensi è fenomeno che sembra ormai appartenere al passato”.

I nuovi praticanti sono passati da valori superiori alle 30 mila unità di un decennio fa a circa 6 mila del 2012! Nello stesso tempo, il numero dei nuovi iscritti agli albi, dopo un forte incremento è oggi tornato ai valori di un decennio fa.

Un vantaggio forse per le aule di tribunale – penserà qualcuno – e probabilmente anche per chi questo lavoro lo coltiva come attività unica e non di corollario ad altre occupazioni. Ma la Cassa pensa anche all’effetto perverso: chi pagherà ora le pensioni? La “diminuzione demografica” degli avvocati creerà certamente problemi sulla stabilità di lungo periodo della Fondazione organizzata com’è, dal punto di vista previdenziale, sul sistema di finanziamento a ripartizione (secondo il quale le pensioni di oggi si pagano con i contributi degli attivi).

 

In quali regioni ci sono più avvocati?

Diciamolo subito senza peli sulla lingua: il Sud sembra essere la patria degli avvocati. In Calabria, Campania, Puglia e Lazio è una vera e propria concentrazione! Al contrario, in regioni del Nord come Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Valle d’Aosta, Piemonte la media si avvicina a quella europea.

Dunque, se la media nazionale di avvocati è molto alta rispetto agli altri paesi UE ma la distribuzione regionale mostra realtà molto differenti. Sussiste una forte disomogeneità nella distribuzione degli avvocati sul territorio nazionale.

Le ragioni di tale disomogeneità sono da attribuire oltre che a una più alta incidenza di percorsi scolastici con titolo accademico nei giovani residenti Sud rispetto al Nord anche a motivi di “migrazione celata”. La realtà delle regioni del Sud prevede difatti che molti professionisti, pur risultando residenti nella propria regione, svolgono l’attività in altre regioni del Centro-Nord (luogo ove spesso hanno anche conseguito il titolo di laurea) dove la richiesta di assistenza legale è più alta e maggiormente diversificata.

I redditi: vera preoccupazione

Le valutazioni più preoccupanti agli effetti della stabilità di lungo periodo si hanno analizzando attentamente le tabelle che riproducono l’evoluzione dei redditi dell’Avvocatura italiana dato che si può dire che al consistente afflusso di giovani si sia associato un periodo di forte crisi economica che ha determinato il crollo del reddito medio degli avvocati.

In media un avvocato iscritto all’Albo, per l’anno 2012, ha prodotto un reddito medio ai fini IRPEF di circa € 38.000,00 con un fatturato di circa € 57.000,00.

I dati ci dicono però che oltre 20.000 professionisti hanno un fatturato pari a zero e che quindi risultano del tutto improduttivi, mentre quasi il 50% produce un reddito inferiore a € 10.300,00 l’anno.

Solo l’8,6%, e siamo quindi in caduta rispetto ai valori precedenti che si attestavano intorno al 10-11%, dichiara redditi superiori al tetto pensionabile di € 91.550,00.

C’è dunque una fortissima differenza di capacità di guadagno, espressa in termini di progressione del reddito per carriera, tra coloro che hanno iniziato la professione nel passato rispetto alle generazioni più recenti.

SE VUOI SCARICARE LA TABELLA CON TUTTI I DATI CLICCA SU QUESTO LINK

note

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI