Diritto e Fisco | Articoli

Voli aereo, treni e hotel prenotati online: no diritto di recesso

4 Novembre 2014
Voli aereo, treni e hotel prenotati online: no diritto di recesso

La prenotazione non può essere più disdettata, salvo sia stata acquistata la copertura assicurativa con facoltà di disdetta entro un predefinito termine.

Attenti se acquistate, su internet, un volo da una compagnia aerea (sia essa low cost o meno) o se prenotate una camera di hotel o un viaggio in treno. Infatti, per tali tipi di “spesa”, non vale il diritto di recesso previsto, nei 14 giorni successivi all’acquisto, dal codice del consumo.

L’acquisto via internet dei biglietti ferroviari sul sito di Trenitalia o quelli di un volo aereo è certamente più agevole e richiede massimo cinque minuti di tempo. Ma va fatto con la certezza che il servizio sarà “consumato”.

La legge [1], infatti, esclude espressamente il diritto di ripensamento del consumatore nel caso in cui il cliente si sia procurato, attraverso l’acquisto on-line, servizi relativi ad alloggio, trasporti, ristorazione e tempo libero forniti ad una data determinata o in un periodo stabilito.

Conseguenza: se il consumatore non può più usufruire del servizio, sia anche per ragioni gravi (come una malattia o un impedimento lavorativo) non potrà ottenere il rimborso dei soldi già versati.

Il diritto di recesso è quindi sostanzialmente escluso nella compravendita via internet dei contratti di viaggio o singoli biglietti. L’unico modo per cautelarsi, dunque, è optare per le coperture assicurative, previste da apposite clausole contrattuali (di norma azionabili, sui siti internet, con la “spunta” sulla relativa casella), che consentono, dietro però un incremento del prezzo, la disdetta entro un prefissato termine.


note

[1] Art. 55, comma 1, del Codice del consumo.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube