Diritto e Fisco | Articoli

Vaccino contro il cancro: pronto tra 3 anni

5 Novembre 2014
Vaccino contro il cancro: pronto tra 3 anni

Campagne di profilassi contro il tumore: intanto l’Aifa lancia il decalogo delle mosse contro la malattia del secolo.

Sembrerebbe una bufala, soprattutto a così breve distanza dalla notizia secondo cui in Francia sarebbe pronta la sperimentazione della nuova pillola contro l’AIDS, se a dirlo non fosse stato lo stesso direttore generale dell’Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco, Luca Pani. Nel corso di un convegno dedicato alle vaccinazioni, Pani ha annunciato – generando incredulità tra gli ascoltatori – che, nei prossimi 3 anni, se i programmi saranno rispettati, potrebbero iniziare delle campagne di profilassi contro il cancro: veri e propri vaccini, del tutto simili a quelli utilizzati per altre malattie virali.

Pani rassicura la popolazione: la ricerca ha ormai raggiunto un livello di avanzamento tecnologico tale da permettere in tempi brevi di mettere a punto “vaccini terapeutici e preventivi che rendano immuni del cancro”.

Tali meccanismi di profilassi verranno determinati e programmati in base a un piano “personalizzato”, ossia rapportato alle esigenze dell’organismo e alla risposta del paziente, in quanto basati sulla conoscenza informatizzata del genoma.

Inutile a dirlo, già si parla dei costi del vaccino anti-cancro e di quanti (o quali popolazioni) potranno permetterselo. Per evitare che il farmaco vada a vantaggio solo di pochi, si tenterà un intervento della stessa Unione Europea, che potrebbe finanziare parte dei prezzi di produzione e distribuzione.

Sempre nel corso della conferenza, i portavoce dell’Aifa hanno dichiarato anche che, se il progresso tecnologico continuerà ai ritmi attuali, in meno di 10 anni (fra 5, a essere ottimisti) potrebbe essere messo a punto anche un vaccino per l’Alzheimer.

Intanto, l’Agenzia del farmaco ha diffuso i “10 comandamenti” per prevenire il rischio di tumori.

1. Non fumare ed evitare anche il fumo passivo: divieto categorico che vale per qualsiasi tipo di tabacco.

2. Fare attività fisica e tenere sempre sotto controllo il proprio peso corporeo.

3. Seguire una sana dieta, fatta di riso, legumi, verdura, frutta. Ridurre al minimo le carni rosse, le bevande zuccherate ed alcoliche, i cibi grassi.

4. Evitare i superalcolici e ridurre gli alcolici.

5. Evitare l’eccessiva esposizione ai raggi solari e solarium.

6. Proteggersi da sostanze cancerogene presenti sui luoghi di lavoro.

7. Evitare, nella propria abitazione, l’esposizione a elevati livelli di radon naturale.

8. Per le donne: tentare di allattare al seno.

9. Per i neonati: vaccinarsi contro l’epatite B e le bambine contro il Papillomavirus umano.

10. Prevenzione e screening per i tumori a colon, seno e utero.

E per i cellulari? La scienza resta ancora divisa.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

APPROFONDIMENTI

28 Lug 2014 | di Maria Elena Casarano

Malato di cancro: quali tutele?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube