Cronaca | News

Messa alla prova unica: per la Consulta è illegittima

1 Agosto 2022 | Autore:
Messa alla prova unica: per la Consulta è illegittima

Secondo la Corte Costituzionale è illegittimo limitare la messa alla prova per i maggiorenni, che in certi casi dovrebbero poterne godere più volte.

Sbagliare è lecito, perseverare è diabolico: forse è a questo «principio» che si è ispirato il legislatore quando ha deciso di concedere ai maggiorenni un’unica messa alla prova. Una sola chance «per cui o la va o la spacca» e che, una volta sprecata, non sarebbe più stata ripetuta: eppure secondo la Consulta questa limitazione, contenuta nel codice penale, è illecita.

La sospensione del processo penale nella fase decisoria di primo grado (per reati di minore allarme sociale) con la messa alla prova può essere concessa una seconda volta quando i reati siano contestati in diversi procedimenti ma siano stati commessi con un’unica azione od omissione o in esecuzione di un unico disegno criminoso. Lo ha stabilito la Corte costituzionale con la sentenza redatta da Francesco Viganò [1], con cui ha dichiarato parzialmente illegittimo l’articolo 168-bis, quarto comma, del Codice penale.

Un imputato, dopo essere stato arrestato per cessione di sostanze stupefacenti in modica quantità, aveva chiesto e ottenuto la messa alla prova con la sospensione del processo. Dopo l’esito positivo della prova, era stato rinviato a giudizio per altri episodi di cessione di stupefacenti compiuti in periodi più o meno contestuali all’arresto, in esecuzione del medesimo disegno criminoso e dunque costituenti un unico reato continuato con quello precedentemente contestato. L’imputato aveva quindi chiesto nuovamente la messa alla prova, ma la richiesta non era stata accolta dal Giudice per l’udienza preliminare del Tribunale di Bologna perché secondo l’articolo 168-bis, quarto comma, del Codice penale, la messa alla prova può essere concessa una volta sola. Ritenendo irragionevole – e perciò contraria all’articolo 3 della Costituzione – questa preclusione, il giudice si era rivolto alla Consulta. Con la sentenza depositata oggi, la Corte ha ritenuto fondata la questione, rilevando che «se tutti i reati commessi in continuazione fossero stati contestati nell’ambito di un unico procedimento, i relativi imputati ben avrebbero avuto la possibilità di chiedere e (…) di ottenere il beneficio della sospensione del procedimento con messa alla prova in relazione a tutti i reati».

Pertanto, risulta irragionevole che, quando questi reati siano invece contestati in distinti procedimenti, «gli imputati non abbiano più la possibilità, nel secondo procedimento, di chiedere e ottenere la messa alla prova, allorché siano stati già ammessi al beneficio nel primo». La Consulta ha inoltre osservato che la preclusione si pone in contrasto con l’obiettivo del legislatore di sanzionare in modo sostanzialmente unitario tutti i reati legati dalla continuazione, ovvero commessi con un’unica azione od omissione, e di farlo anche attraverso il percorso, accentuatamente riparativo e risocializzativo proprio della messa alla prova. In conseguenza della dichiarazione di illegittimità, il giudice dovrà compiere “una nuova valutazione dell’idoneità del programma di trattamento e una nuova prognosi sull’astensione dalla commissione di ulteriori reati da parte dell’imputato”, tenendo conto della natura e della gravità dei reati oggetto del nuovo procedimento, così come del percorso di riparazione e risocializzazione eventualmente già compiuto durante la prima messa alla prova.


note

 [1] Cort. Cost. n.174/2022


Sostieni laleggepertutti.it

"La Legge per Tutti" è una testata giornalistica indipendente che da oltre 10 anni informa gratuitamente milioni di persone ogni mese senza il supporto di finanziamenti pubblici. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube