Cronaca | News

Quanto costerà comprare casa da qui a tre anni

2 Agosto 2022 | Autore:
Quanto costerà comprare casa da qui a tre anni

Nel triennio 2022-2024 comprare una casa sarà più impegnativo, gli immobili costeranno di più e verranno erogati meno mutui.

Finalmente hai messo da parte i risparmi, dopo aver trovato un lavoro sicuro che ti garantisca entrate stabili, e dopo il Covid e la guerra hai deciso che è il momento di svoltare: basta, ora compri casa. E invece no. O meglio, puoi farlo, ma da qui ai prossimi tre anni comprare casa purtroppo ti costerà più di un anno fa: ecco perché.

A causa degli strascichi economici della guerra, dell’inflazione e del rischio di una recessione, il mercato immobiliare negli ultimi mesi ha subito correzioni a ribasso rispetto a quanto prospettato all’inizio dell’anno. La domanda abitativa, nonostante questo, è ai massimi storici: ben il 3,7% dei nuclei familiari sta attualmente cercando una casa da comprare mentre il 9,6% si è dichiarato intenzionato ad avviare la ricerca entro dicembre. Ottenere un mutuo, però, nei prossimi mesi potrebbe essere economicamente svantaggioso e non così semplice. Secondo quanto prefigurato da Nomisma, nel corso dei prossimi tre anni caleranno di poco le compravendite di immobili, con una diminuzione più marcata delle erogazioni di mutuo, mentre cresceranno i prezzi delle case.

Per il 2022 è previsto che le compravendite diminuiranno del 5,6% rispetto allo scorso anno (che è stato un anno da record), e saranno in ulteriore picchiata nel 2023. Una discesa che si concluderà solo nel 2024, quando dovrebbe iniziare una lieve ripresa. Anche le erogazioni di mutuo sono in calo, seppur il calcolo tenga in conto anche delle surroghe, che ora sempre meno persone scelgono e solo quando sono costrette a ridurre la rata mensile del finanziamento spalmandolo nel tempo.

Va considerato inoltre che, se fino a pochi anni fa i mutui a tasso fisso si aggiravano attorno all’1%, oggi non scendono sotto il 3%, con contestuale innalzamento anche del tasso dei variabili (che in questo momento difficilmente si ottengono).  E non solo: la possibilità di aprire un mutuo diventa ancor più remota se, oltre alla crescita sproporzionata dei tassi, ci si aggiungono anche eventuali parametri più stringenti per la concessione dei finanziamenti posti dalle banche. Un problema – e un costo – non indifferente se si conta che, sempre secondo Nonisma, l’80% di chi vuole comprare casa vuole (e spesso non può fare altrimenti) accendere un mutuo per farlo.

Si conta che nel 2022 le erogazioni complessive saranno di 47 miliardi, il 12% in meno rispetto ai 53,4 dello scorso anno: una diminuzione che andrà di pari passo con quella che si verificherà nel 2023.

Inutile dire che, oltre al problema dei mutui, ci sarà anche quello dell’aumento dei prezzi delle case legato all’inflazione, che avrà naturalmente come conseguenza il lievitare dei costi nel triennio 2022-2024 (già iniziato nel 2021), specialmente nelle grandi città. Basta pensare che ad esempio a Milano a luglio le quotazioni sono salite del 6,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno prima, e si prospetta che raggiungeranno il 12% nei prossimi mesi. A Roma, invece, i prezzi sono cresciuti «solo» del 4,2 e arriveranno presumibilmente al 19. Una follia, un peso enorme che dovrà portare chi proprio in questo momento vuole comprare casa.



Sostieni laleggepertutti.it

"La Legge per Tutti" è una testata giornalistica indipendente che da oltre 10 anni informa gratuitamente milioni di persone ogni mese senza il supporto di finanziamenti pubblici. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube