Diritto e Fisco | Articoli

Come ottenere il nuovo ISEE: tutta la procedura

7 novembre 2014


Come ottenere il nuovo ISEE: tutta la procedura

> Diritto e Fisco Pubblicato il 7 novembre 2014



DSU (dichiarazione sostitutiva unica): trasmissione, acquisizione, determinazione e il ritiro del modello ISEE.

Con l’ok arrivato ieri del Garante della Priacy, tutto sembra pronto per l’avvio del nuovo modello ISEE (manca solo l’approvazione dell’Inps del nuovo disciplinare tecnico).

Con le regole appena approvate, cambia tutto il meccanismo e l’iter procedurale per procurarsi l’Isee. Si esce completamente dalla sfera del classico documento di “autocertificazione”; si tratterà piuttosto di una attestazione rilasciata dalla pubblica amministrazione sulla base delle informazioni reddituali e patrimoniali in proprio possesso relative al cittadino. Ecco dunque la nuova procedura.

Chi voglia usufruire di una prestazione sociale agevolata (per es. sconti negli asili, mense scolastiche, sussisti assistenziali, borse di studio universitarie, prestazioni socio-sanitarie) dovrà inizialmente presentare la cosiddetta DSU (Dichiarazione sostitutiva unica) direttamente all’ente che eroga la prestazione, oppure ai Comuni, ai Caf, o alle sedi Inps territoriali. La DSU è una sorta di autodichiarazione fatta dal contribuente e dovrà contenere le informazioni sul proprio nucleo familiare (con indicazione specifica anche della situazione reddituale e patrimoniale).

Si tratta di un passaggio fondamentale, posto che il nuovo Isee sarà calcolato sulla base dei redditi, dei patrimoni e della composizione del nucleo familiare autodichiarati dal cittadino attraverso la Dsu o la Dsu mini.

In realtà la Dsu può essere di due tipi (a seconda del tipo di prestazione che si intende richiedere e di alcune caratteristiche del nucleo familiare):

Dsu ordinaria.

Dsu mini. Quest’ultima non potrà essere utilizzata nei casi di:

– richieste di prestazioni per il diritto allo studio universitario;

– presenza di nuclei di persone con disabilità o non non autosufficienti;

– presenza di figli i cui genitori non siano coniugati tra loro, né conviventi;

– esonero dalla presentazione della dichiarazione dei redditi o sospensione degli adempimenti tributari.

Entro quattro giorni lavorativi dalla ricezione della Dsu i soggetti che la hanno acquisita trasmetteranno in via telematica i dati contenuti al sistema informativo dell’Isee, gestito dall’Inps.

A questo punto, l’Inps, entro quattro giorni lavorativi dalla ricezione dei dati, calcolerà l’Isee sulla base delle informazioni raccolte con il modello Dsu e di tutte le informazioni reperite negli archivi della pubblica amministrazione, dell’Inps e dell’agenzia delle Entrate (come l’anagrafe tributaria, l’anagrafe dei conti correnti, le indicazioni del PRA, ecc.).

Quindi l’Inps consegnerà all’interessato l’Isee entro il decimo giorno lavorativo successivo alla presentazione della Dsu. Per ritirare il proprio modello Isee, è possibile indicare un indirizzo Pec (posta elettronica certificata) o è possibile scaricarlo dal sito Inps oppure dare mandato al Caf.

Se dopo 15 giorni lavorativi dalla data della presentazione della Dsu il cittadino non ha ancora ricevuto l’Isee, può compilare il modulo integrativo FC.3 per autodichiarare i dati e ottenere un’attestazione provvisoria.

Come chiarisce Francesca Milano su “Il Sole 24 Ore” di oggi, “l’Isee calcolato sulla base dei dati contenuti nelle Dsu terrà conto del reddito di tutti i componenti della famiglia, del loro patrimonio (valorizzato al 20%) e di una scala di equivalenza in base alla composizione del nucleo e alle sue caratteristiche. L’Isee terrà anche conto di particolari situazioni di bisogno, prevedendo trattamenti di favore per i nuclei con tre o più figli o per le famiglie con persone con disabilità o non autosufficienti. Come la Dsu, anche l’Isee non sarà più unico: sarà possibile calcolare l’Isee standard, ma anche l’Isee università, l’Isee socio-sanitario, l’Isee socio-sanitario residenze, l’Isee minorenni con genitori non coniugati tra loro e non conviventi, e l’Isee corrente, che consiste in un indicatore aggiornato ai redditi degli ultimi 12 mesi quando si siano verificate rilevanti variazioni del reddito, come nel caso di perdita del posto di lavoro”.

Il primo passo da fare per avere l’Isee è presentare la Dsu, scegliendo tra cinque possibilità: via internet tramite il sito dell’Inps nella sezione “servizi online-servizi per il cittadino” a cui si può accedere utilizzando codice fiscale e codice personale (Pin) rilasciato dall’istituto di previdenza; oppure direttamente all’ente che fornisce la prestazione sociale agevolata; al Comune; a un Caf (centro di assistenza fiscale); alla sede Inps competente per territorio. Concluso questo primo passaggio al cittadino viene rilasciata una ricevuta.

Indipendentemente dal canale utilizzato per la presentazione della Dsu, i tempi di lavorazione della richiesta, almeno sulla carta, sono contenuti. Entro 4 giorni lavorativi dalla presentazione, chi l’ha ricevuta deve trasmettere i dati contenuti nella dichiarazione al sistema informativo Isee. Entro altri quattro giorni lavorativi, previa richiesta da parte dell’Inps, il sistema informativo Isee acquisisce i dati relativi al richiedente presenti nell’anagrafe tributaria. Concluso questo passaggio, l’istituto di previdenza ha a disposizione 2 giorni lavorativi per elaborare l’Isee e metterlo a disposizione del cittadino.

In totale, dunque, la procedura dovrebbe concludersi al massimo entro 10 giorni lavorativi, cioè due settimane di calendario. Questi sono i termini massimi e ciò non toglie che l’indicatore possa essere ottenuto anche in tempi più ridotti, oppure che i termini non siano rispettati. A questo riguardo è previsto che «nel caso eccezionale» (viene definito nelle istruzioni alla Dsu) «in cui trascorrano 15 giorni lavorativi dalla data di presentazione della Dsu senza che il dichiarante abbia ancora ricevuto l’attestazione» si può procedere con una autodichiarazione.

L’autodichiarazione consiste nella compilazione del modulo integrativo FC.3 della Dsu con cui si ottiene un’attestazione provvisoria che resta valida fino al rilascio dell’Isee chiesto seguendo il percorso standard.

L’altro caso in cui si può derogare dalla procedura principale si verifica quando la scadenza per accedere a una prestazione agevolata è imminente. In questa situazione è possibile fare domanda per la prestazione allegando solo la ricevuta di presentazione della Dsu e l’Isee vero e proprio sarà acquisito successivamente dall’ente erogatore tramite sistema informatico o richiedendolo direttamente al cittadino.

Una volta elaborato l’indicatore, l’Inps, o il soggetto a cui è stata presentata la domanda, rilascia un’attestazione contenente l’Isee, il contenuto della dichiarazione sostitutiva unica e le informazioni utilizzate per il calcolo. Tutto questo sarà accessibile tramite il sito internet dell’istituto di previdenza o sarà trasmesso all’interessato tramite posta elettronica certificata, o lo si potrà ottenere recandosi fisicamente presso le sedi territoriali o gli uffici a cui ci si è rivolti per presentare la domanda dell’Isee, o ancora potrà essere ottenuta tramite gli intermediari autorizzati, quali i Caf, a fronte di mandato scritto del cittadino. L’attestazione può essere chiesta e utilizzata da tutti i componenti il nucleo familiare.

note

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. Il nuovo ISEE presuppone a monte l’esistenza di un sistema informativo perfetto che riesca a estrarre le informazioni corrette su ciascun cittadino. Questo sistema non esiste perché se esistesse non ci sarebbe più evasione ne’ fiscale ne’ contributiva. Verranno fuori quindi modelli ISEE contenenti errori di ogni tipo. E una montagna di ricorsi all’Inps.oo

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI