Tracciabilità dei pagamenti: “incrementata sempre di più”

9 Novembre 2014
Tracciabilità dei pagamenti: “incrementata sempre di più”

Per conto del Ministero dell’Economia e delle Finanze parla David Pitaro nel corso del seminario per il Contrasto all’evasione fiscale che si è svolto presso la Commissione finanze della Camera.

 

E siamo al secondo avvertimento” nel corso di un mese. I limiti sulla tracciabilità dei pagamenti potrebbero essere rivisti in modo ancora più restrittivo per combattere l’evasione fiscale.

Lo aveva predicato all’inizio dello scorso mese lo stesso Governo, nel chiarire gli strumenti allo studio per combattere il “nero”. In quella sede (leggi “Via il contante, totale tracciabilità dei pagamento: il piano del governo contro l’evasione”) si era parlato di “diffusione degli strumenti di pagamento tracciabili e adozione generalizzata della fatturazione elettronica e della trasmissione telematica dei corrispettivi”.

A rendere il primo indizio una mezza-prova è la suonata della seconda campanella, fatta l’altro ieri da David Pitaro, membro del dipartimento delle politiche fiscali per il Ministero dell’economia e delle finanze, nel corso del seminario per il Contrasto all’evasione fiscale che si è svolto presso la Commissione finanze della Camera.

Nel corso del proprio intervento, Pitaro ha parlato di lotta all’evasione interna, sottolineando l’importanza dell’imminente disciplina sull’abuso di diritto (comunemente detta “elusione fiscale”): la normativa renderà possibile fare una distinzione tra ipotesi di natura penale o meno, oggi invece rimessa solo all’interpretazione dei giudici.

L’abuso di diritto, infatti, tutt’oggi è solo un principio, ma non c’è una norma che lo regolamenti e non è quindi definito a livello procedurale.

Sempre nell’ottica della lotta all’evasione, è intervenuto il direttore dell’Agenzia delle Entrate, parlando di tracciabilità dei pagamenti. È necessario – ha detto – “che sia incrementata sempre di più per superare sia il limite degli scontrini fiscali sia dei continui blitz sul territorio”.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube